Funerali Willy, Conte abbraccia i genitori: «L’Italia è con voi e vi vuole bene»

Il premier si aspetta condanne severe e certe

12/09/2020 di Federico Pallone

reddito cittadinanza per fratelli Bianchi

Duecento palloncini bianchi fatti volare in cielo per salutare definitivamente Willy: si sono conclusi così i funerali di Willy Montero Duarte. Alla fine delle esequie il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha abbracciato la madre e il padre di Willy, Lucia e Armando e la sorella Milena. Il feretro del giovane è uscito dal campo sportivo, dove si è celebrato il funerale, tra gli applausi. Il presidente al termine del rito funebre ha confortato la famiglia di Willy. Commosso, si è avvicinato al padre , alla madre e alla sorella di e ha detto: «L’Italia è con voi e vi vuole bene».

LEGGI ANCHE –> La procura accusa i quattro indagati per la morte di Willy di omicidio volontario

«Ora ci aspettiamo condanne severe e certe. Ci aspettiamo una certa rigorosa esecuzione della pena, ma questo episodio non può solo essere inquadrato in una logica di repressione», ha detto Conte. «Abbiamo seguito tutti questa vicenda di efferata violenza. Non possiamo minimizzarla né sottovalutarla. Non possiamo degradarla a singolo episodio. Dobbiamo guardarci in faccia e capire che ci sono alcune frange, alcune sacche sociali che coltivano la mitologia della violenza. Dobbiamo mobilitarci tutti e a tutti i livelli, le famiglie, gli insegnanti, i politici i giornalisti per un comune obiettivo: contrastare questa mitologia della violenza fino ad estinguerla e richiamare i valori e i principi su cui si fonda la nostra civiltà, il nostro vivere sociale. Il principio primario è il rispetto della persona, della sua dignità. Da lunedì riprende la scuola, questo sarà l’anno scolastico dell’emergenza sanitaria ma deve essere anche l’anno scolastico dell’inclusione e del contrasto al bullismo. Tutte le energie mentali che stiamo mettendo a tutti i livelli sanitari concentriamo anche sul contrasto al bullismo contro un linguaggio di odio e di violenza. Le parole sono pietre a tutti i livelli», ha concluso Giuseppe Conte.

Share this article