La confusione sul tampone a Rugani nel giorno di Juve-Inter dopo l’intervista della fidanzata del calciatore

di Redazione | 24/03/2020

fidanzata Rugani
  • In un'intervista, Michela Persico aveva parlato di un tampone fatto a Rugani l'8 marzo, giorno di Juve-Inter

  • In realtà, il tampone è stato fatto il 10 marzo

  • La rettifica della stessa compagna del calciatore e della Juventus

Oggetto del contendere è un’intervista che Michela Persico, la fidanzata Rugani, ha rilasciato a TPI questa mattina. Nel corso del colloquio tra la compagna del difensore della Juventus e il direttore della testata Giulio Gambino, sarebbe emerso che il tampone che ha dato l’esito positivo sul contagio da coronavirus per il calciatore della Juventus era stato fatto la sera dell’8 marzo, con il risultato comunicato l’indomani, 9 marzo. Un piccolo dettaglio: l’8 marzo era il giorno del big match di campionato Juventus-Inter, vinto dai bianconeri, la partita che ha congelato attualmente la classifica del campionato di Serie A, con i bianconeri in testa.

LEGGI ANCHE > Coronavirus, positivo Rugani della Juventus: primo calciatore della Serie A

Fidanzata Rugani, la confusione sulle date del tampone

A TPI, Michela Persico ha pronunciato questa frase: «Daniele ha fatto il tampone domenica 8 marzo, e il risultato è arrivato il 9. Io l’ho fatto il 16, una settimana fa». Non sono stati fatti riferimenti alla partita di campionato. Tuttavia, la data del match era nota e sarebbe stato opportuno quantomeno un approfondimento sulle parole della Persico. «Chiesta nuovamente conferma di questa notizia a Michela Persico – si legge sul quotidiano online – è emerso che, diversamente da quanto documentato nell’audio-registrazione dell’intervista di Gambino alla fidanzata di Rugani, il difensore della Juve avrebbe fatto il tampone la mattina di martedì 10 marzo, e sarebbe risultato positivo l’11 marzo. Notizia confermata anche dall’agente di Rugani a TPI».

Nel frattempo, infatti, c’è stato l’intervento sia della Juventus, sia dell’agente del calciatore, che hanno confermato che il tampone è stato eseguito il 10 marzo e che l’esito è stato confermato il giorno dopo, 11 marzo. Insomma, non sarebbe stata una notizia di poco conto se il calciatore si fosse sottoposto al tampone il giorno stesso della partita di campionato che potrebbe essere decisiva per le sorti della Serie A. A quanto pare, tuttavia, c’è stata solo una confusione nelle date. Una confusione che, però, ha causato l’intervento tempestivo della società e, di conseguenza, della stessa compagna di Rugani, che è poi tornata indietro sulle date in un primo momento raccontate nel corso dell’intervista.

FOTO dal profilo Instagram di Michela Persico