Fico risponde a Salvini: «Portoni della Camera sprangati? Stanno ristrutturando, conosce poco il Parlamento»

di Enzo Boldi | 11/09/2019

Fico

Ancora una volta Roberto Fico utilizza i social network per riprendere alcune dichiarazioni errate e avventate rilasciate da Matteo Salvini. Il senatore della Lega, infatti, attraverso il suo profilo Twitter ha parlato di porte sprangate a Montecitorio davanti alle persone che lunedì mattina hanno partecipato in piazza. Ma quel portone (quello principale) era chiuso per un motivo che era noto a tutte le persone che frequentano le istituzioni e la Camera dei deputati: da inizio agosto – e fino al termine del mese di settembre – sono in corso alcuni lavori di ristrutturazione.

Ma partiamo dall’inizio. Questa mattina Matteo Salvini ha voluto lanciare la polemica contro Achille Occhetto per una sua dichiarazione della scorsa settimana (era venerdì 6 settembre) a In Onda, su La7. E nel farlo ha scritto: «‘Il popolo è una brutta bestia’ dice l’ex segretario comunista. Così va bene sprangare l’ingresso di Montecitorio a sfregio di migliaia di persone che chiedevano solo la più alta espressione della democrazia: le elezioni».

Fico riprende Salvini, ancora una volta

La dichiarazione di Occhetto è stata molto forte, ma il giudizio in merito è soggettivo. Restano invece oggettive le parole di Matteo Salvini su quelle porte sprangate, raccontando una bugia agli italiani: il portone principale di Montecitorio, infatti, non è stato chiuso in occasione della manifestazione di piazza. E il motivo lo spiega lo stesso Roberto Fico che ripropone anche un tweet della Camera dei deputati.

«Evidentemente conosce poco il Parlamento»

«Chi sostiene che la Camera abbia ‘sprangato l’ingresso di Montecitorio’ evidentemente conosce poco il Parlamento – ha scritto Roberto Fico sulla sua pagina Facebook -. L’ingresso principale di piazza Montecitorio è chiuso dai primi di agosto per lavori di ristrutturazione e adeguamento che proseguiranno per l’intero mese di settembre. Tutti gli altri ingressi sono invece regolarmente aperti».

(foto di copertina: ANSA/ANGELO CARCONI + Post Profilo Camera dei Deputati)