Fedez dice che «ci è andata di lusso» ad avere Conte come Presidente del Consiglio 

di Enzo Boldi | 22/06/2020

Fedez
  • Il rapper ne ha parlato durante la diretta streaming per i dieci anni de Il Fatto Quotidiano

  • Fedez ha parlato della situazione politica in Italia

  • E dice che con Conte ci sia andata di lusso

Poteva andare molto peggio. È questo il pensiero di Fedez sulla situazione politica nel nostro Paese, anche dopo l’emergenza Coronavirus e la ripartenza. Il rapper milanese è intervenuto durante le 10 ore di streaming per celebrare la festa dei dieci anni de Ilfattoquotidiano.it e, intervistato da Peter Gomez, ha detto la sua su Giuseppe Conte, parlando di un lusso per l’Italia. Fedez ha sottolineato come lo scenario politico nostrano sia tutt’altro che esaltante e, viste le premesse, il meno peggio sia rappresentato proprio dall’attuale Presidente del Consiglio dei ministri.

LEGGI ANCHE > Rita Dalla Chiesa chiede, su Twitter, l’estinzione del popolo cinese

«Io ritengo che ci sia andata di lusso ad avere lui (Giuseppe Conte, ndr) come presidente del Consiglio e non un altro: poteva essere uno scenario distopico, disastroso – ha detto Fedez rispondendo alle domande di Peter Gomez in occasione dell’evento in streaming per il decimo compleanno de Ilfattoquotidiano.it -. Detto questo, nella narrazione attuale, esimersi nel dare giudizi è una grande mossa di intelligenza. Nell’ottica del meno peggio ci è andata bene».

Fedez e Conte come il meno peggio

Spesso e volentieri, Fedez si è trovato al centro dei dibattito politico criticando aspramente l’atteggiamento e le scelte politiche portate avanti – in particolar modo – da Matteo Salvini. E in questo scenario tutto italiano, il rapper milanese vede in Giuseppe Conte come l’unica figura degna di guidare il governo. Insomma, non si tratta di un endorsement a 360°, ma una considerazione mettendo in parallelo tutto ciò che il panorama politico italiano sia in grado di offrire.

La delusione a Cinque Stelle

Il rapper aveva una speranza pentastellata che poi, con il passare del tempo, è diventata mera disillusione e delusione: «Con la politica di palazzo non ho grandi relazioni, credo che quando la politica diventa di palazzo viene corrotta nel suo animo. Avevo riposto speranze in un movimento (i Cinque Stellle, ndr) che poi ha mostrato delle debolezze, seppur in buona fede – ha detto ancora Fedez -. Apprezzo quei personaggi che cercano di fare qualcosa al di fuori delle istituzioni, ad esempio Marco Cappato che è una figura più pragmatica di tante altre che ricoprono ruoli istituzionali».

(foto di copertina: da diretta streaming de Il Fatto Quotidiano)

TAG: Fedez