Facebook News Uk pagherà gli editori per «contenuti che non sono già presenti sulla piattaforma»

L'arrivo di Facebook News anche nel Regno Unito segnerà la rivoluzione di giornalismo e informazione che c'è già stata negli Stati Uniti

01/12/2020 di Ilaria Roncone

Facebook ha fatto sapere che «pagherà chi pubblica contenuti che non sono già presenti sulla piattaforma» nell’ambito di Facebook News Uk da gennaio 2021. Dopo gli Stati Uniti anche per il Regno Unito arrivano gli investimenti del colosso social nell’ambito dell’informazione e del giornalismo. Con Facebook News gli utenti potranno accedere a un feed certificato dal social stesso di contenuti informativi sia di stampo locale che nazionale. In questo meccanismo il social di Zuckerberg pagherà gli editori presenti su Facebook quando forniranno contenuti originali che non sono ancora presenti sulla piattaforma.

LEGGI ANCHE >>> Il Vietnam minaccia di chiudere Facebook

Come funzionerà Facebook News Uk

Sulla nuova piattaforma saranno presenti praticamente tutti i proprietari delle testate più amate del paese sia a livello nazionale che a livello locale, sia realtà grandi (l’Economist, il Guardian, l’Independent) che realtà più piccole e anche contenuti di lifestyle come Cosmopolitan, Wired e GQ. Facebook si aspetta – prima del lancio – l’adesione di un numero ancora maggiore di testate. Come funziona Facebook News? Sarà lui a fornire – in base al lettore – una combinazioni di notizie e di storie tarate sul frutore garantendo integrità e affidabilità dei contenuti «approvati da Facebook». Ci sarà un’azione di fact-checkers di terze parti che combatteranno la disinformazione e controlleranno la violazione degli standard della community come l’hate speech e il click baiting.

Le polemiche attorno a Facebook News

Facebook sarà non solo un aggregatore di notizie ma un vero e proprio selezionatore, una sorta di editore degli editori che deciderà quali contenuto vivono e si diffondono e quali, invece, finiscono nel dimenticatoio. Sono presenti, ovviamente, alcuni rischi di manipolazione dell’informazione come risultato di uno studio Usa del Pew Research Center dello scorso ottobre 2019. I risultati attestavano che almeno il 55% dei cittadini americani sceglieva i social per informarsi e l’88% era consapevole del controllo esercitato dai social sul mix informativo proposte. Dagli Usa il successo di Facebook News è stato evidente: gli editori che hanno aderito hanno visto un 95% del traffico arrivare da parte di «nuovi pubblici, che non hanno mai interagito con quelle testate nel passato».

Share this article
TAGS
window._taboola = window._taboola || []; _taboola.push({ mode: 'thumbnails-b', container: 'taboola-below-article-thumbnails', placement: 'Below Article Thumbnails', target_type: 'mix' }); -->