Omicidio di Elisa Pomarelli, arrestato anche l’ex suocero di Sebastiani

di Enzo Boldi | 08/09/2019

Elisa Pomarelli
  • Doppia svolta in meno di 24 ore sulla morte di Elisa Pomarelli

  • Dopo l'arresto e la confessione di Massimo Sebastiani, arrivano le manette anche per l'ex suocero

  • La 28enne sarebbe stata uccisa in un raptus, senza premeditazione

Massimo Sebastiani è stato individuato e arrestato nel pomeriggio di sabato per l’omicidio – di cui si è poi dichiarato reo confesso – della sua amica Elisa Pomarelli nel piacentino. Questa mattina un nuovo colpo di scena nelle indagini: è finito in manette anche Silvio Perazzi, padre dell’ex compagna dello stesso Sebastiani. Contro di lui l’accusa di favoreggiamento personale in omicidio per averlo aiutato nella fuga e nella latitanza durante le ricerche della polizia. L’ex genero, infatti, avrebbe utilizzato proprio uno dei terreni e capannoni dell’uomo per eludere i controlli delle forze dell’ordine che stavano battendo la zona a tappeto.

LEGGI ANCHE > La Bruzzone su Massimo Sebastiani: «Un uomo che può fare qualsiasi cosa»

La posizione di Silvio Perazzi era già al vaglio degli inquirenti durante le fasi di ricerca di Elisa Pomarelli. Nella notte, dopo la confessione di Massimo Sebastiani (che ha anche condotto le forze dell’ordine nel fossato dove aveva gettato il corpo senza vita della sua amica), è arrivato l’arresto per il padre della sua ex compagna. L’operaio 45enne, infatti, si era rifugiato all’interno di un solaio di un’abitazione sulle colline piacentine di proprietà proprio di Perazzi e a cui lui aveva libero accesso.

In manette anche l’ex suocero di Sebastiani

Il luogo in cui Massimo Sebastiani si è nascosto per molti giorni si trova in località Costa di Sariano, nel Comune di Gropparello, sull’Appennino piacentino. Ora, proprio in quel solaio e nella zona circostante, si stanno effettuando i rilievi del caso: gli inquirenti, infatti, sospettano che la 28enne Elisa Pomarelli sia stata uccisa proprio lì, prima di essere spostata e gettata in quel dirupo dopo, sabato sera, Sebastiani ha condotto le forze dell’ordine.

Elisa Pomarelli uccisa in un raptus

L’accusa contro l’ex suocero di Sebastiani, Silvio Perazzi, è quella di ‘favoreggiamento personale’ per averlo aiutato nella fuga, eludendo i controlli della Polizia permettendo di nascondersi nel solaio di sua proprietà. Nel frattempo iniziano a emergere i primi dettagli: Elisa Pomarelli sarebbe stata strangolata, ma senza premeditazione. L’omicidio, in attesa dell’autopsia, sarebbe frutto di un raptus violento.

(foto di copertina: ANSA/Giampietro Bisaglia)