Donald Trump avrebbe raggiunto un accordo di pace con i talebani

di Gaia Mellone | 12/02/2020

  • New York Times e Cnn hanno anticipato che Donald Trump avrebbe raggiunto un accordo di pace con i talebani

  • L'accordo prevede un graduale ritiro delle truppe Usa

  • Prima però i talebani dovranno dimostrare di essere disposti a ridurre le violenze nella regione

Secondo alcune indiscrezioni, il Presidente Usa Donald Trump avrebbe approvato un accordo di pace raggiunto con i talebani, che prevede anche il ritiro delle truppe americane dall‘Afghanistan. Un ritiro graduale promesso solo in cambio di una visibile diminuzione delle violenze nella regione in un periodo “prova” di una settimana previsto per la fine del mese.

Donald Trump avrebbe raggiunto un accordo di pace con i talebani

LEGGI ANCHE> Un jet statunitense è stato abbattuto dai Talebani in Afghanistan

A dare la notizia, citando fonti interne al governo, dell’approvazione da parte di Donald Trump di un accordo di pace con i talebani, sono stati il New York Times e la Cnn. Notizia a cui hanno fatto seguito poi le dichiarazioni pubbliche rilasciate dal presidente afghano, Ashraf Ghani il quale, dopo un consulto con Mike Pompeo, ha twittato che «c’è un notevole progresso». «Oggi ho ricevuto con piacere una chiamata del segretario di Stato Pompeo che mi informava dei notevoli progressi raggiunti nei negoziati, che continuano, con i talebani», ha continuato Ghani sempre sul account Twitter, spiegando che Pompeo gli avrebbe riferito «delle proposte dei talebani, che offrono una significativa e durevole riduzione della violenza».

Perché l’accordo, che prevede un graduale ritiro delle truppe usa dall’Afghanistan, si concretizzi infatti, i talebani dovranno dimostrare il loro impegno diminuendo, se non annullando, le violenze nella regione per un periodo di “prova”, alla fine del quale cadrà il condizionale sull’accordo. I negoziati però sarebbero ancora in atto, ma Donald Trump avrebbe già dato il suo completo appoggio.

(Credits immagine di copertina: Wikimedia Commons Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic license)