Per Diego Fusaro l’uomo che cambia il pannolino al figlio è «il suicidio dell’Occidente»

di Enzo Boldi | 10/05/2019

Diego Fusaro
  • Secondo Diego Fusaro, se un uomo cambia il pannolini ai propri figli perde la propria virilità

  • La polemica partita dalla notizia della petizione per inserire i fasciatoi anche nei bagni maschili

  • Un concetto senza senso che è stato criticato in toto dalla rete

Se voi siete padri e nella vostra vita avete cambiato almeno una volta il pannolino ai vostri figli, sappiate che avete dato una coltellata all’Occidente. La curiosa tesi arriva direttamente da Diego Fusaro, scrittore, saggista e professore di filosofia, già al centro di diverse polemiche social per le sue posizioni alquanto divisive su molti temi. L’ultima arriva dalla notizia della volontà di alcuni uomini di portare i fasciatoi anche nei bagni maschili, per dividersi ancor di più, anche quando non si è a casa, i ruoli con la propria compagna.

LEGGI ANCHE > Diego Fusaro su Greta Thunberg: «Uno spettacolo per il potere turbocapitalistico»

«Prosegue la campagna di svirilizzazione dell’uomo da parte del turbocapitalismo, che ci vuole tutti femminilizzati – tuona su Twitter Diego Fusaro mettendo a corredo del suo sprezzante tweet la fotografia di un articolo di Repubblica che parla della campagna, tutta al maschile #IoCambio -. E voi siete così pazzi da pensare che il problema sia la cultura islamica? Il problema è il suicidio ridicolo dell’occidente». Fare il padre, dunque, corrisponde al diventare un eunuco.

 

Diego Fusaro e quel concetto di turbopaternità

Ai figli ci pensino le donne, che qui dobbiamo discettare di filosofia su Twitter e nei salotti televisivi. Sembra esser questa la sintesi del pensiero di Diego Fusaro che pare avere una visione decisamente sessista del ruolo genitoriale. Come se cambiare il pannolino ai propri figli sia un’evirazione fatale del genere maschile che viene costantemente messo a rischio, così come lo è l’Occidente. Un turboconcetto, turbosessista e turbomaschilista e turboprovocatore. Ma l’unica cosa di turbata è l’idea che il professore-filosofo-opinionista-saggista vuole far passare.

(foto di copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)