Il rapporto hot di due deputati nei bagni della Camera, il gossip non si ferma

di Redazione | 09/12/2018

gossip
  • Il gossip in Parlamento non si ferma, dopo le voci su un rapporto hot di due deputati nei bagni della Camera

  • Le onorevoli chiedono: «Basta pettegolezzi». Ma spunta un'altra storia

Quando il gossip non si ferma intervengono anche le più alte cariche dello Stato. Dopo il susseguirsi di voci su un rapporto sessuale consumato da due deputati nei bagni della Camera, è stato costretto ad intervenire perfino il presidente dell’Assemblea di Montecitorio. Ieri Roberto Fico ha sbottato affermando «Non sopporto gossip sessisti, qui dentro» in risposta alla vicepresidente di turno, Maria Elena Spadoni, che ha denunciato pubblicamente il fatto offrendo ai pettegolezzi, come raramente avviene, una dignità pubblica. Ne parla oggi il Quotidiano Nazionale (articolo di Ettore Maria Colombo) ricostruendo la vicenda e le prevedibili reazioni di questi giorni.

Non si ferma il gossip alla Camera, spunta un’altra storia tra deputati

La vicenda è partita da una rubrica di gossip del quotidiano Il Giornale e poi esplosa con un articolo pubblicato su Il Tempo. Come spiega Qn, in Transatlantico non si parla d’altro. Ne conoscono qualche dettaglio parlamentari, giornalisti, funzionari e commessi. Ad essere sorpresi sono stati un deputato della Lega e una collega del Movimento 5 Stelle: avrebbero consumato gli ‘atti erotici’ mentre era in corso in Commissione Giustizia l’esame del ddl corruzione, nei bagni poco distanti dall’aula della riunione. I nomi sarebbero sulla bocca di tutti, ma nessuno li pronunzia pubblicamente per evitare ai due protagonisti della vicenda dei guai familiari, o per evitare querele. E da ieri, fa sapere il Quotidiano Nazionale, si aggiunge una nuova storia. Stavolta sarebbero coinvolti un deputato di Forza Italia e una collega della Lega: una storia alla voce ‘amori impossibili’.

Poi l’intervento in aula, con Spadoni contro «gli articoli in cui si descrive l’aria frizzante della Camera e si fa riferimento alle nostre parlamentari, una vergogna». «Questo non è giornalismo, ma sessismo», ha tuonato. La replica della forzista Mara Carfagna: «Mi auguro che d’ora in poi voi 5 Stelle condanniate tutte le volgarità, anche le vostre».

(Foto di copertina da archivio Ansa. Credit immagini: ANSA / GIUSEPPE LAMI)