De Laurentiis lancia una frecciata al presidente della Repubblica: «Non è come gli altri, poteva venire»

di Gianmichele Laino | 18/06/2020

De Laurentiis

In una serata dai toni distesi, in cui non ci sono state polemiche per la direzione arbitrale o per i comportamenti che i giocatori hanno tenuto in campo, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis trova comunque il modo per lanciare una frecciatina. E il bersaglio, questa volta, è addirittura il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La battuta De Laurentiis-Mattarella va in scena a fine serata, quando ormai la sua squadra aveva conquistato la Coppa Italia e stava festeggiando in campo con tanto di foto di rito.

LEGGI ANCHE > Sergio Sylvestre: «Altro che parole dimenticate, il vuoto dello stadio mi ha emozionato»

De Laurentiis-Mattarella: «Poteva anche venire»

De Laurentiis, invece, veniva intervistato da Enrico Varriale nella parte bassa della tribuna stampa dello Stadio Olimpico. Una delle domande ha riguardato la premiazione: infatti, il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha distribuito con grande sportività le medaglie ai calciatori del Napoli alla fine della partita, in una premiazione molto sobria a causa delle norme sul distanziamento sociale post-coronavirus.

Solitamente, la premiazione viene effettuata dal presidente della Repubblica, che negli ultimi anni è stato ospite fisso dell’Olimpico per la finale di Coppa Italia. Quest’anno, però, Sergio Mattarella ha preferito non esserci, affermando che il presidente della Repubblica non va lì dove agli altri italiani non è consentito andare. Quando Enrico Varriale glielo fa notare, Aurelio De Laurentiis mostra qualche perplessità: «Beh, beh, beh – ha detto il patron del Napoli -. Il presidente della Repubblica è sempre sopra tutti gli altri, quindi poteva anche venire».

Un concetto piuttosto ‘monarchico’ della massima carica dello Stato italiano (la Costituzione, invece, considera il presidente della Repubblica più come un primus inter pares, garante dell’unità nazionale e non – usando un gioco di parole – dell’unicità nazionale). Si può comprendere che essere premiati dal presidente della Repubblica avrebbe avuto tutto un altro significato. Ma un accenno di polemica alla fine di una serata come quella appena trascorsa poteva anche essere risparmiato.