Denunciato l’uomo che ha colpito con un calcio un bambino di 3 anni che voleva accarezzare suo figlio

di Enzo Boldi | 06/09/2019

Cosenza
  • L'uomo è stato individuato nel tardo pomeriggio dalle forze dell'ordine di Cosenza

  • Per lui una denuncia per lesioni personali aggravate. Stessa sorte anche per la moglie

  • Lui ha colpito con un calcio un piccolo bambino migrante di tre anni che si era avvicinato alla sua carrozzina

È arrivata la denuncia per lesioni personali aggravate nei confronti dell’uomo che ha colpito con un calcio un piccolo migrante di 3 anni la cui unica colpa è stata quella di essersi avvicinato alla carrozzina con cui stava portando in giro sua figlia. Le forze dell’ordine di Cosenza hanno, infatti, individuato il 22enne autore del vile gesto nei confronti del bambino. Stessa sorte è toccata alla moglie 24enne dell’uomo, presente al momento dell’accaduto.

LEGGI ANCHE > Cosenza, il migrante di 3 anni accarezza un bambino: il padre di quest’ultimo gli sferra un calcio

Come raccontato anche da diversi testimoni, il bambino aggredito si trovava in strada per giocare con i suoi due fratellini. Il tutto mentre la loro madre era in attesa di essere ricevuta da un dottore in uno studio medico lì vicino a Cosenza. Mentre stava andando a comprarsi un gelato, incuriosito da quel passeggino spinto da una giovane coppia con all’interno un’altra piccoletta come lui, il bambino di 3 anni si è avvicinato alla carrozzina per dare una carezza alla bambina. Il padre della piccola però, non ha gradito questo gesto e ha prima strattonato, per poi assestargli un calcio.

Cosenza, individuato e denunciato l’uomo che ha colpito con un calcio il bambino

Il tutto è avvenuto sotto gli occhi attoniti dei presenti che hanno veementemente protestato per il vile gesto dell’uomo che ha colpito senza batter ciglio una piccola creatura di soli 3 anni. Il piccolo è stato poi soccorso da un’ambulanza – aveva perso il respiro, per il colpo ma soprattutto per la paura – dopo quell’aggressione folle di un padre arso vivo da paure accumulate che lo hanno portato a compiere un gesto che nessun adulto dovrebbe mai compiere.

Lesioni personali aggravate

Ora per lui, il 22enne T.D è arrivata la denuncia dopo esser stato individuato dalla Polizia anche grazie al racconto dei testimoni. Stessa sorte anche per M.V., 24enne moglie dell’uomo che – secondo le indiscrezioni – era presenta sul luogo al momento dell’aggressione. Ancora da chiarire, però, il suo ruolo attivo negli strattonamenti ai danni del bambino. Per il momento, in attesa di chiarire il movente (se mai ce ne fosse bisogno per chi colpisce con un calcio un bambini di soli 3 anni) è arrivata la denuncia per lesioni personali aggravate.

(foto di copertina: archivio Ansa)

TAG: Cosenza