Coronavirus, morta cassiera 48enne a Brescia: chiuso il supermercato dove lavorava

di Federico Pallone | 20/03/2020

coronavirus
  • La donna, risultata positiva al coronavirus, è morta nella sua abitazione, dove si trovava da inizio settimana con febbre alta

  • Il supermercato è stato chiuso per essere sanificato

Da questa mattina è stato chiuso il supermercato della catena Simply Market a Brescia, nei pressi del centro cittadino, a causa della morte di una dipendente, risultata positiva al coronavirus. Si tratta di una donna di 48 anni, che lavorava come cassiera e che era a casa da inizio settimana con febbre alta. Le sue condizioni si sono aggravate nella notte e in mattinata la donna è deceduta a casa. Il supermercato è stato chiuso per permettere la sanificazione della struttura.

LEGGI ANCHE –> L’assurda teoria delle vaccinazioni contro il meningococco a Brescia e a Bergamo e l’epidemia di Covid-19

Brescia, come sappiamo, si trova in Lombardia, la regione che il coronavirus sta letteralmente mettendo in ginocchio. Per far rispettare le norme anti-contagio, a Milano verranno impiegati i militari dell’esercito dell’operazione Strade sicure. Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha telefonato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per ribadire la necessità di utilizzare l’esercito a supporto delle forze dell’ordine «per rendere più serrata e stringente la rete dei controlli mirati al rispetto delle regole. Mi sembra di poter dire che il presidente Mattarella abbia condiviso la mia richiesta – qualora fosse decisa dal governo – diretta al bene e alla tutela della salute della collettività. Il presidente della Repubblica – ha concluso il governatore – mi ha chiesto di portare il suo saluto a tutti i lombardi e in particolare ai medici, agli infermieri, ai volontari, che combattono con instancabile tenacia questa battaglia».

[CREDIT PHOTO: SCREENSHOT INTERNET]