«La crescita dei contagi in Spagna dopo la festa dell’8 marzo» | VIDEO

di Enzo Boldi | 20/03/2020

Quel che viene raccontato dai nostri concittadini in giro per il Mondo, sembra essere lo specchio della situazione di emergenza globale legata al Covid-19. Insieme nel Mondo, il grande progetto di condivisione collettiva creato da Insieme in Rete, raccoglie quotidianamente testimonianze da chi non vive in Italia. Oggi è arrivata la testimonianza di Raffaella Camarda che da Madrid ha parlato della situazione Coronavirus in Spagna.

LEGGI ANCHE > Coronavirus, in Svizzera i ‘nuovi eroi’ sono i cassieri

La giovane si trova nella capitale spagnola e racconta di come i numeri, anche nella giornata di oggi, siano sempre più preoccupanti. Si è superata quota 19mila contagiati nel giro di pochi giorni, e il sistema sanitario nazionale inizia a essere ingolfato dalle richieste di soccorso da parte dei cittadini. Cifre che rendono la situazione Coronavirus in Spagna molto simile a quanto accaduto in Italia.

Coronavirus in Spagna, perché aumentano i Contagi?

Raffaella Camarda, oltre a spiegare che i cittadini spagnoli proseguano in comportamenti da evitare, come andare a fare la spesa senza guanti e mascherine, ha ripercorso quel che è accaduto nei giorni scorsi tra Madrid e dintorni. Seguendo un percorso temporale inverso, si giunge alla data dell’8 marzo scorso. Due domeniche fa, quando tantissimi cittadini hanno partecipato alle celebrazioni per la festa della donna. E le iniziative sono state tantissime, con altissima partecipazione. Considerando che il tempo di incubazione è stato stimato in 10/14 giorni, la summa regala il quadro che può aver portato a un numero così alto di contagi da Coronavirus in Spagna.