In Spagna oltre 2mila morti e 30mila contagiati

di Enzo Boldi | 23/03/2020

Coronavirus in Spagna

I numeri nel Mondo non accennano a diminuire. Mentre in Cina si prosegue da giorni in direzione ‘zero contagi’, nel resto del Pianeta l’emergenza sanitaria e pandemica è sempre più evidente. In Italia attendiamo, ogni giorni, quel maledetto bollettino diffuso dal nostro Dipartimento della Protezione Civile, ma anche negli altri Paesi la situazione è sempre più grave. Il Coronavirus in Spagna, per esempio, sta iniziando a toccare cifre simili a quel che è accaduto e sta accadendo in Italia.

LEGGI ANCHE > «La crescita dei contagi in Spagna dopo la festa dell’8 marzo» | VIDEO

Secondo gli ultimi rilevamenti, siamo vicini a quota 30mila contagiati in Spagna, con la conta dei decessi che ha superato quota 2mila. Per l’esattezza, di parla di 2182 morti, di cui 462 solo nelle ultime ore. Un dato che porta il Paese iberico in seconda posizione nella triste classifica dei decessi per Coronavirus. Il dato, insomma, è molto preoccupante non solo in Italia. L’unico aspetto positivo sembra essere il calo dei pazienti ricoverati in terapia intensiva negli ospedali.

Coronavirus in Spagna, il trend in aumento

Considerando il trend dei dati del Coronavirus in Spagna e analizzando le tempistiche i cui sono stati presi provvedimenti di chiusura e limitazione degli spostamenti e della circolazione, il Paese iberico rischia nei prossimi giorni di superare anche gli alti numeri registrati in Italia. Così come potrebbe accadere (con più alta probabilità, visto il numero dei cittadini) anche agli Stati Uniti d’America, che hanno sottovalutato l’emergenza nonostante gli esempi che arrivavano da Cina e Italia.

La vicepremier in Ospedale per problemi respiratori

Mentre i numeri del Coronavirus in Spagna continuano a crescere, da Madrid arriva la notizia del ricovero in ospedale anche della vicepremier Carmen Calvo per problemi respiratori. Sulla donna è stato effettuato il tampone e l’esito si avrà a breve.

(foto di copertina: da pagina Facebook di Pedro Sanchez)