Così i vigili di Roma fermeranno per un controllo ogni macchina che incroceranno

di Redazione | 20/03/2020

controllo vigili Roma
  • Dal 21 marzo saranno estesi a tutte le auto i controlli dei vigili di Roma

  • Non ci saranno più i controlli a campione

  • Chi non giustificherà la sua uscita rischia sanzioni per l'art. 650 del codice penale

Non ci saranno soltanto i controlli a campione, adesso – per i vigili di Roma – scatterà la tolleranza zero. Secondo la circolare che ha raggiunto gli uffici della polizia municipale della capitale, gli agenti si dovranno preoccupare di ogni macchina che transiterà davanti al posto di blocco, al fine di capire che cosa gli occupanti del veicolo stiano facendo in giro per la città: «I veicoli devono essere tutti accodati e sottoposti al controllo – si legge nella circolare -, la eventuale fila di vetture deve interrompersi solo in presenza di evidente situazione di pericolosità per la sicurezza della circolazione». Le disposizioni saranno in vigore a partire dal fine settimana del 21-22 marzo, in virtù dell’emergenza coronavirus.

LEGGI ANCHE > Coronavirus, morta cassiera 48enne a Brescia: chiuso il supermercato dove lavorava

Controlli vigili Roma: scatteranno per tutte le automobili

Per fare in modo che questo possa essere possibile, sono stati estesi dei turni per le pattuglie, spalmate negli orari 7-13 e 14-20. L’obiettivo non è quello – secondo la circolare – di ingenerare paura e timori nella popolazione, ma di dare l’idea che la polizia municipale di Roma, così come quella di tutto il resto d’Italia, stia seguendo pedissequamente le direttive disposte sul territorio nazionale.

Fino a questo momento, dunque, la polizia municipale stava controllando a campione i vari veicoli in transito nella Capitale. Adesso tutte le automobili dei cittadini saranno sottoposte a un controllo. La speranza, in questo modo, è quella di scongiurare qualsiasi spostamento immotivato: chi non dovesse rispettare le condizioni previste dal dpcm rischia di essere sanzionato ai sensi dell’articolo 650 del codice penale.