Conte convoca i sindacati a Palazzo Chigi e poi debutta con: «Ditemi…»

di Redazione | 06/07/2019

Conte convoca sindacati
  • Giuseppe Conte convoca i sindacati a Palazzo Chigi

  • Inizia il suo intervento con l'esortazione: "Ditemi..."

  • Imbarazzo tra i sindacalisti: "Ma se ci avete convocato voi"

Il retroscena riportato oggi dal Corriere della Sera risale a tre giorni fa. Il 3 luglio scorso, infatti, il governo aveva chiesto un incontro con i sindacati confederali, Cgil, Cisl e Uil, convocandoli a Palazzo Chigi. Sarà stata una battuta per rompere il ghiaccio oppure un debutto infelice dovuto al caldo romano di questi ultimi giorni e ai tanti impegni di lavoro. Fatto sta che i sindacati, convocati – lo si ribadisce – dal presidente del Consiglio, si sono trovati di fronte un Giuseppe Conte che come prima cosa inizia così la conversazione: «Ditemi…».

Conte convoca sindacati e poi debutta: «Ditemi…»

Pare che ci sia stato un momento piuttosto imbarazzante al tavolo dove era presente anche il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio. Un silenzio quasi incredulo rispetto alle parole del padrone di casa che prima invita delle persone a parlare con lui (si presume per le comunicazioni importanti che avrà da fare) e che poi, invece, cerca argomenti di conversazione nell’interlocutore.

I sindacati dovranno incontrare anche Matteo Salvini

L’articolo del Corriere della Sera continua, riportando le parole dei sindacalisti: «In che senso ‘ditemi’? Ci avete convocato voi». Ovviamente, la conversazione è andata avanti così per qualche minuto. Alla fine, è stata Annamaria Furlan della Cisl a tirare le somme: «Ma che rapporto volete avere con voi?». Insomma, i sindacalisti si sono sentiti piccati e infastiditi per l’atteggiamento iniziale del presidente del Consiglio. Che, tuttavia, nel corso della riunione – pubblicizzata con tanto di foto sul sito istituzionale di Palazzo Chigi e con un tweet di Giuseppe Conte – ha detto: «In riferimento alla prossima manovra avvieremo un percorso di confronto e ragioneremo sulle rispettive priorità. Lavoro, riforma fiscale, politica industriale, Sud, sono temi sui cui terremo alta l’attenzione».

Ma non si capisce con quale governo i sindacati dovranno trattare: l’incontro con Giuseppe Conte è andato così. A breve, come già annunciato, le parti sociali incontreranno Matteo Salvini, con la data fissata per il prossimo 15 luglio. Si spera che almeno il leader della Lega abbia qualcosa da dire.

FOTO: ANSA/FILIPPO ATTILI/US PALAZZO CHIGI

TAG: sindacati