Michele Emiliano dice che Conte è come LeBron James

«Cambia squadra, ma vince sempre»

12/10/2020 di Enzo Boldi

Conte come LeBron James

Il pick and roll per lanciarlo a un facile canestro da due punti. Michele Emiliano ha deciso di utilizzare un paragone cestistico per parlare del Presidente del Consiglio. Cavalcando la notizia arrivata nella notte italiana, ovvero il successo dei Los Angeles Lakers in gara-6 contro i Miami Heat con conseguente vittoria del titolo Nba, il Presidente della Regione Puglia ha detto: «Giuseppe Conte come LeBron James». Il campione americano, infatti, è stato uno dei grandi protagonisti del ritorno al successo dei gialloviola nel basket americano, dopo aver contribuito alla grandezza degli Heat e dei Cavaliers.

LEGGI ANCHE > La gaffe di Teresa Bellanova che invita a votare per Emiliano. Ma il candidato di Italia Viva è Scalfarotto | VIDEO

In occasione della visita del Presidente del Consiglio alla messa in posa della prima pietra del nuovo ospedale San Cataldo, a Taranto, l’appena rieletto Presidente della Regione Puglia non ha lesinato parole al miele nei suoi confronti: «Il presidente Conte è come Lebron James. Cambia squadra, ma vince sempre». Due squadre, due vittorie. Secondo Michele Emiliano, dunque, il capo del governo riesce a portare a casa successi indossando qualsiasi ‘maglia’ politica: da quella gialloverde del primo esecutivo con M5S e Lega a quella giallorossa con pentastellati e Pd (insieme a LeU e Italia Viva).

Conte come LeBron James, dice Michele Emiliano

Un tiro da tre punti quello di Emiliano che incensa il Presidente del Consiglio per i suoi successi. Le parole di Conte sull’ospedale San Cataldo, infatti, hanno indicato la strada per la realizzazione del nuovo nosocomio tarantino: la volontà è quello di dare il via a un modello come quello utilizzato per la costruzione del nuovo Ponte di Genova. Insomma, meno burocrazia. Per questo, secondo il Presidente della Puglia, è legittimo quel paragone di Conte come LeBron James.

(foto di copertina: da profilo Instagram di Michele Emiliano)

Share this article