Alex Zanardi resta in condizioni stazionarie. Stop ai bollettini quotidiani

di Enzo Boldi | 24/06/2020

Alex Zanardi ce la farà

Non ci saranno più i bollettini medici sulle condizioni Zanardi. Lo ha chiesto la famiglia dell’ex pilota di Formula 1 e pluri-campione paralimpico. L’ultimo aggiornamento sul suo stato di salute, in attesa di ulteriori notizie nei prossimi giorni (nella speranza che siano positive) parlano di una situazione stazionaria, senza variazioni rispetto a quanto già dichiarato nel corso della giornata di ieri. Prosegue il neuromonitoraggio dopo l’intervento chirurgico per ridurre gli effetti del trauma cranico e le numerose fratture alle ossa di cranio e volto.

LEGGI ANCHE > Niccolò Zanardi vicino a suo padre: «Io questa mano non la lascio, dai papà»

«L’atleta – si legge nell’ultimo bollettino diramato dai medici dell’Ospedale ∫ – ha trascorso la quinta notte di degenza senza sostanziali variazioni nelle sue condizioni cliniche, per quanto riguarda i parametri cardio-respiratori e metabolici, e rimane grave il quadro neurologico. Continua il neuromonitoraggio e viene valutato costantemente da una equipe formata principalmente da anestesisti-rianimatori e neurochirurghi, affiancata da un team multidisciplinare in base alle diverse esigenze cliniche».

Condizioni Zanardi stazionarie, stop ai bollettini

La nota di conclude sottolineando la richiesta fatta dalla famiglia dell’ex pilota che ha chiesto che non vengano più diffusi i bollettini quotidiani sulle condizioni Zanardi, fino a che non ci saranno delle variazioni sostanziali del sui stato di salute: «Il paziente è sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente e la prognosi rimane riservata. Sentita la famiglia si ritiene utile non diffondere altri bollettini medici sino a quando non ci saranno variazioni significative sul suo stato di salute».

La speranza

La speranza, dunque, è che ben presto arrivino notizie positive dall’Ospedale Le Scotte di Siena. Uno dei medici che stanno curando Zanardi ha dichiarato che se il campione bolognese fosse arrivato nel nosocomio dieci minuti più tardi, non ci sarebbe stato nulla da fare. Le sue condizioni, dunque, restano gravi ma stazionare. Mentre tutto il mondo aspetta una notizia positiva.