Vaccini: svelati i documenti Aifa sulle reazioni avverse

di Redazione | 30/05/2017

codacons su vaccini

Oggi il Codacons, il coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori, ha reso  pubblici alcuni documenti che metterebbero in luce dati importanti sulle reazioni avverse dei vaccini su un numero piuttosto elevato di pazienti. Si tratta in realtà delle relazioni Aifa relative agli anni 2014-2015-2016, finora mai rese pubbliche, e su cui il Codacons chiede se i ministri siano stati o meno informati prima dell’ok al decreto Lorenzin. Giornalettismo pubblica in esclusiva il rapporto Aifa con i numeri relativi alle reazioni avverse registrate. Questa azione – secondo quanto riportano fonti interne all’Aifa – potrebbe anche avere delle conseguenze. Anche perché questo documento è in realtà la replica dell’Aifa a una precisa e circostanziale richiesta della procura di Torino. E in quanto tale era un documento riservato. Documento che però è stato consegnato nelle cartelle stampa dei giornalisti presenti oggi in conferenza stampa organizzata oggi dal Codacons. Giornalettismo ha contattato l’Aifa per una replica ufficiale. Quello che possiamo comunicarvi è che tali dati, relativi agli anni 2014- 2015- 2016,  saranno resi pubblici in modo completo dall’Aifa nelle prossime settimane. L’Aifa ha dato mandato ai propri legali di agire nei confronti del Codacons.

«Inoltre, ci sono centinaia di casi gravi di patologie del sistema nervoso – ha commentato il Codacons – e di infezioni varie non comunicate dall’Aifa. Noi chiediamo: dateci dei vaccini singoli e fate i controlli appropriati. Non si può favorire in questo modo le case farmaceutiche».

AIFA DENUNCIA IL CODACONS

«In Italia ogni anno i vaccini salvano milioni di vite – osserva Aifa – i vaccini hanno debellato malattie mortali, sono farmaci efficaci e sicuri che tutelano la salute. Sulla sicurezza dei vaccini, le affermazioni rilasciate oggi alla stampa dal presidente del Codacons, Carlo Rienzi, diffondono dubbi e incertezze che non trovano fondamento nella scienza e le attività di farmacovigilanza, nello specifico di vaccinovigilanza, svolte da Aifa attraverso il monitoraggio quotidiano confermano la verità scientifica».Replica il Codacons: «Chiunque a partire dall’Aifa dovesse ancora affermare che il Codacons è contro i vaccini sarà immediatamente querelato per diffamazione e per strumentalizzazione diretta a favorire le case farmaceutiche attraverso affermazioni false».

 

COSA HA DETTO OGGI IL CODACONS IN CONFERENZA

La conferenza che tuttavia, come specifica il Codacons, non è certo contro i vaccini e l’importanza della vaccinazione, ma che chiede trasparenza in favore delle famiglie. Inoltre, il coordinamento vorrà contestare il recente decreto varato dal Consiglio dei Ministri (che aumenta il numero delle vaccinazioni obbligatorie e le rende indispensabili per l’iscrizione dei bambini nelle scuole). 

Rapporti segreti AIFA

CHI C’ERA ALL’INCONTRO CODACONS

All’incontro con i giornalisti, che si è svolto alle 12.30, hanno partecipato anche i parlamentari Bartolomeo Pepe e Adriano Zaccagnini.  Poco prima della conferenza stampa, una delegazione del Codacons si è recata al Quirinale e al Senato per consegnare il rapporto segreto dell’Aifa al Capo dello Stato Sergio Mattarella e al Presidente del Senato Pietro Grasso e per chiedere di convocare il Ministro della salute. Inoltre, il Codacons è intenzionato a sporgere denuncia presso la Procura di Roma contro il Ministro Lorenzin, in cui si chiede di accertare se i dati contenuti nel rapporto Aifa sulle vaccinazioni siano stati illustrati ai ministri in sede di approvazione del recente decreto e, in caso contrario, di procedere contro il Ministro per omissione di atti d’ufficio.