Il Comune di Roma si è dimenticato di costituirsi parte civile nel processo ai Casamonica

di Enzo Boldi | 16/10/2018

processo Raggi

La lotta alla legalità di Virginia Raggi si è incagliata tra le lancette dell’orologio. Ieri pomeriggio è arrivata la sentenza (con rito abbreviato) contro Enrico, Vincenzo e Alfredo Di Silvio, tre esponenti di una famiglia vicina al clan Casamonica, protagonisti – lo scorso 1 aprile – dell’aggressione ai danni dei titolari del Roxy Bar, un locale della capitale in zona Romanina. Condanne che sono andate dai 4 anni e 10 mesi, fino ai 3 anni e 2 mesi con l’aggravante del metodo mafioso – in attesa del processo, con rito ordinario, a carico dell’altro coinvolto nell’inchiesta, Antonio Casamonica -, ma a fare più rumore è stata l’assenza del Comune di Roma.

LEGGI ANCHE > Antonio Casamonica respinge le accuse: «Ho difeso io la donna aggredita»

Il Giudice per l’udienza preliminare Maria Paola Tomaselli, infatti, ha rigettato l’istanza di costituzione di parte civile da parte del Comune guidato da Virginia Raggi, per ritardo nella presentazione della domanda. Eppure i tempi per costituirsi parte civile non erano così ridotti, dato che la notizia del processo (con tanto di documentazione pervenuta a tutte le parti in causa) consegnate con diverso anticipo rispetto alla data di ieri. E, se non bastasse, l’importanza sociale (e non solo mediatica) di questo processo doveva esser sottolineata da una maggior attenzione da parte di chi doveva occuparsi – per tempo – di far pervenire le carte al gup.

Casamonica, l’aggravente del metodo mafioso e l’assenza del Comune di Roma

Eppure lo scorso 27 luglio il Comune, con una nota di risposta stizzita nei confronti di alcune notizia pubblicate sui siti di informazione, aveva precisato: «Contrariamente a quanto riportato da alcune notizie diffuse da agenzie di stampa, nel processo relativo ai fatti del Roxy Bar Roma Capitale si costituirà parte civile nei confronti di tutti gli imputati legati al clan Casamonica. A tal fine, si specifica che non sono scaduti i termini per la costituzione di parte civile: nell’ambito del procedimento che riguarda Antonio Casamonica essa potrà avvenire alla prima udienza dibattimentale fissata per l’11 ottobre 2018; nei confronti degli altri tre imputati ammessi al rito abbreviato, secondo giurisprudenza recente, potrà invece essere presentata fino all’apertura della discussione del giudizio abbreviato dinanzi al GUP».

Un’occasione persa per Roma e Virginia Raggi

Evidentemente non è così e, nonostante le continue voci di battaglie a suon di proclami social contro l’illegalità e la criminalità presente all’interno del tessuto della città di Roma, l’accortezza di riuscire a presentare per tempo un documento per costituirsi parte civile in un processo fondamentale per restituire sicurezza ai cittadini della Capitale è passata in secondo piano.

(foto di copertina: ANSA/MASSIMO PERCOSSI)