Carlo Ancelotti accusato di evasione fiscale

di Enzo Boldi | 22/06/2020

Carlo Ancelotti
  • A indagare è la Procura di Madrid. Il riferimento è agli anni trascorsi sulla panchina dei Blancos

  • L'accusa nei confronti di Carlo Ancelotti sarebbe di evasione fiscale

  • SI fa riferimento ai versamenti per i diritti d'immagine

La notizia è stata riportata da alcuni quotidiani spagnoli, ma come spesso accade in questi casi occorre aspettare informazioni ufficiali. Sta di fatto che, secondo El Pais e Cadena Cope, la procura di Madrid starebbe indagando su Carlo Ancelotti. L’attuale allenatore dell’Everton sarebbe accusato di evasione fiscale per oltre un milione di euro. Si fa riferimento al biennio 2014-2015, quanto il tecnico italiano allenava il Real Madrid. La cronaca recente mostra come in Spagna moltissimi attori del mondo del calcio siano stati pizzicati – e condannati – per aver evaso il fisco. I casi più emblematici sono stati Lionel Messi e Cristiano Ronaldo.

LEGGI ANCHE > Carlo Ancelotti contro «Regione, Comuni e Commissari» per lo stato degli spogliatoi del San Paolo

Secondo El Pais, la Procura di Madrid (citando una nota firmata dagli stessi inquirenti) avrebbe aperto un’indagine contro Carlo Ancelotti per non aver dichiarato al Fisco una cifra attorno al milione di euro (per l’esattezza si parla di 1.062.079 di euro) nel biennio in cui è stato allenatore del Real Madrid, arrivando a conquistare anche la decima Champions League per i Merengues al primo tentativo. I soldi non dichiarati non fanno parte degli emolumenti versati dal club madrileno per la gestione tecnica della squadra.

Carlo Ancelotti accusato in Spagna per evasione fiscale

Gli inquirenti hanno aperto un fascicolo su quel milioni di euro che faceva parte dei cosiddetti diritti di immagine, non dello stipendio: «Le entrate corrispondenti allo sfruttamento dei suoi diritti di immagine, nonché quelle derivate dal suo rapporto con la società sportiva Madrid o quelli percepiti come conseguenza di contratti con altri marchi», scrivono in Spagna. Secondo l’accusa, dunque, l’attuale allenatore dell’Everton si sarebbe servito di un’azienda esterna (con sede fiscale in un paradiso fiscale) per farsi versare la parte dei diritti di immagine, staccati dall’emolumento pagato dai Blancos. La storia recente insegna che il fisco spagnolo ha sempre risposto con fermezza in casi simili. Ora si dovranno confermare queste accuse anticipate dai quotidiani, prima di un eventuale processo.

(foto di copertina: da canale Youtube This is Anfield)