L’aria che tira nel M5S, Cancelleri a Salvini: «Spocchia da fascistello, da premier non saprebbe fare nulla»

di Redazione | 08/08/2019

doppio incarico Cancelleri

Non c’è molta collaborazione nel rasserenare gli animi nelle parole di Giancarlo Cancelleri, già candidato presidente della Regione Siciliana con il Movimento 5 Stelle. Cancelleri, infatti, è in partenza per un tour della Sicilia, per constatare lo stato penoso dei trasporti pubblici nell’isola. Alla vigilia di questo tour, Cancelleri ha voluto commentare gli ultimi eventi sulla tenuta del governo.

LEGGI ANCHE > L’ira di Conte scavalcato da Salvini (per l’incontro con Orban)

Giancarlo Cancelleri su Salvini: «Un fascistello»

Ai giornalisti che lo aspettavano alla stazione centrale di Palermo, l’ex candidato governatore in Sicilia ha affermato: «Salvini dà tempo fino a lunedì per trovare una quadra nell’esecutivo? È una spocchia da fascistello, da bullo di scuola. ‘Vi aspetto fino a lunedi’ altrimenti…’. Altrimenti che? Altrimenti ce ne andiamo a casa e te ne vai a casa pure tu e poi, se vuoi, ti prendi i voti perché i sondaggi sono un conto e i voti reali un altro».

Cancelleri: «Salvini premier non saprebbe fare un c***o»

Poi, Cancelleri sfida il leghista nella grande incognita della premiership dopo Giuseppe Conte: «Ho un grande sogno: vorrei vedere Salvini premier, per vedere che c***o sa fare. Secondo me non sa fare assolutamente nulla. Si riempie il petto e poi non sa fare niente». Il rappresentante del Movimento 5 Stelle ha affermato che la maggior parte dei provvedimenti presi dal governo giallo-verde sono a firma pentastellata e che, quindi, la Lega ha avuto un ruolo pratico molto limitato. L’unica cosa che il Carroccio avrebbe fatto è la propaganda, che ha permesso a Salvini di salire in testa nelle classifiche dei sondaggi.

Cancelleri, inoltre, ha affermato di aver sentito Luigi Di Maio in queste ore e che il vicepremier pentastellato ha risposto che non sarà una scelta facile quella sul governo. Ma l’insulto a Matteo Salvini non distende di certo i toni.

FOTO: (Foto: ANSA / MIKE PALAZZOTTO)