Quali sono i lotti di Buscopan che sono stati ritirati dal mercato

di Redazione | 24/09/2019

Buscopan ritirato

Un’impurità cancerogena alla base del Buscopan ritirato. L’Aifa – l’agenzia italiana del farmaco – ha disposto il ritiro di una serie di lotti del medicinale antiacido, molto comune e molto diffuso tra la popolazione. Il Buscopan rientra nella lunga lista dei farmaci ritirati e che contengono ranitidina: l’Aifa, negli ultimi giorni, ha previsto la misura in via cautelare.

Buscopan ritirato: l’elenco dei lotti a rischio

Ecco quali sono i lotti di Buscopan ritirato: Buscopan Antiacido 75 mg compresse effervescenti numero 181379, 181379, 181381, 181382, 181380, 181383 con scadenza 01/05/2021; 744552 con scadenza 01/02/2020; 162521, 162522 con scadenza 30/09/2019; 170939, 170938, 170936, 170935, 170937 con scadenza 01/04/2020.

Buscopan ritirato: cosa consiglia l’Afa

Il numero del lotto e la data di scadenza sono sempre indicati in uno dei quattro lati della confezione di cartone all’interno della quale si trovano i medicinali. Nella lista dei farmaci, tra quelli più comuni, c’è anche lo Zantac, compresse, compresse effervescenti, sciroppo e fiale. Ovviamente, Aifa ricorda che non c’è un rischio acuto per i pazienti che abbiano già assunto in passato medicinali a base di ranitidina e che non sono attesi danni se vengono ingerite delle dosi molto basse.

Il ritiro, tuttavia, è avvenuto a livello precauzionale per evitare problemi più seri alla vasta popolazione che usufruisce di questa tipologia di farmaci. L’Aifa, tra le altre cose, consiglia anche di non interrompere i trattamenti con i farmaci a base di ranitidina, se prima la decisione non è stata presa insieme al medico di base o al dottore che ha deciso la cura.

FOTO: ANSA/FABIO CAMPANA

TAG: Aifa