Un volo della British Airways ha battuto il record supersonico arrivando da New York grazie al forte vento

di Gaia Mellone | 10/02/2020

  • Un Boeing della British Airways ha stabilito un nuovo record di crociera

  • Grazie ai forti venti che soffiavano sull'Atlantico, il volo New York- Londra è durato solo 4 ore e 56 minuti

  • Il fenomeno raro del "jet stream"

Volare da New York a Londra in meno di 5 ore? è possibile, ma raro: ci è riuscito un Boeing della British Airways che, sfruttando un fenomeno raro come il “jet stream”, è atterrato con circa due ore di anticipo rispetto al previsto e battendo il record subsonico detenuto da un volo della Norwegian Airlines.

Un volo della British Airways ha battuto il record supersonico arrivando da New York grazie al forte vento

LEGGI ANCHE> Voli intercontinentali, come affrontarli al meglio (e senza stress)

Ad aiutare il Boeing 747 della British Airways ad entrare nella storia delle velocità più alte di crociera nei cieli ci hanno pensato i forti venti che stanno soffiando sull’Oceano Atlantico. Il velivolo ha viaggiato raggiungendo le 825 miles per hours (circa 1327,71 km orari): partito dall’aeroporto JFK di New York alle 18.47 di sabato pomeriggio, ha toccato terra a Heathrow alle 4.43 di domenica, con un anticipo di quasi due ore. Ci ha messo infatti solo 4 ore e 56 minuti contro le classiche 6 ore e 45 minuti. Il record fino ad oggi era detenuto da un volo della Norwegian Air Shuttle che per la stessa tratta aveva impiegato 5 ore e 13 minuti. Non batte però il record supersonico detenuto dal Concorde Alpha Foxtrot numero 216, sempre della British Airways, che raggiungeva la velocità di 1350 miglia all’ora, coprendo la stessa tratta in sole 2 ore 52 minuti e 59 secondi, ma che ha smesso di volare nel 2003.

Cos’è il “Jet stream”

Raggiungere questa velocità subsonica è stato possibile grazie ai forti venti che stanno soffiando sopra all’Oceano atlantico, responsabili anche dell’avvicinamento del tornado Ciara nel Regno Unito prima, dove ha causato diversi danni, e verso il resto d’Europa poi. Si tratta di un fenomeno molto raro chiamato “Jet Stream” ed è una sorta di “fiume d’aria” in rapido movimento nell’aria che si forma proprio all’altezza a cui volano gli aerei di linea.

(Credits immagine di copertina: Pixabay License)