Briatore attacca Calenda: «Non lo votano nemmeno i suoi familiari»

di Redazione | 26/11/2019

Briatore

Matteo Renzi è stato a Riad ed è stato fotografato all’interno del Billionaire, un locale tradizionalmente legato a Flavio Briatore. Tuttavia, l’imprenditore ha spiegato la genesi della visita: l’ex numero uno della Renault in Formula Uno si trovava lì perché ha un importante terreno economico-finanziario nella capitale saudita e, negli accordi, c’era anche quello della gestione da parte degli stessi sauditi del Billionaire.

LEGGI ANCHE > Flavio Briatore pronto a entrare nel governo Salvini

Briatore contro Calenda

Dunque, l’invito a Matteo Renzi è arrivato dalle autorità politiche e non direttamente da lui, anche se l’imprenditore, in un’intervista per La Stampa, ha confermato la sua stima nei confronti di Matteo Renzi, definendolo l’unico grande politico in Italia, insieme a Matteo Salvini. Anzi, proprio Flavio Briatore ha auspicato una convergenza tra i due per il bene del Paese.

L’incontro con Renzi non è piaciuto a Carlo Calenda, che ha espresso parole di disappunto attraverso i social network.

La risposta dell’imprenditore non si è fatta attendere e, attraverso l’intervista a La Stampa, ha risposto a distanza allo stesso Carlo Calenda: «Cosa pensa Calenda non mi interessa – ha detto Briatore -. Io ho vinto sette Mondiali di Formula 1, lui era il portaborse di Montezemolo. Credo che nemmeno i familiari voteranno il suo nuovo partito». Il riferimento è ad Azione, il movimento che ha visto la luce in quest’ultima settimana.