Brexit, Johnson battuto ancora: il Parlamento approva la legge anti no-deal

di Gaia Mellone | 06/09/2019

  • Approvata oggi la legge anti no deal per impedire una Brexit senza accordo

  • Il primo ministro britannico Boris Johnson ora è obbligato a trovare un accordo con la Ue

  • Lo scenario delle elezioni anticipate è sempre più probabile

Ennesimo rospo da ingoiare per Boris Johnson: oggi il Parlamento del Regno Unito ha infatti approvato definitivamente la legge anti no-deal per evitare una Brexit senza accordo. La legge era stata molto discussa fin dal giorno della riapertura dei lavori parlamentari, che dureranno fino al 9 settembre, ma nonostante i tentativi di BoJo di fermarla, ora arriverà fino alla scrivania della Regina.

LEGGI ANCHE > Boris Johnson è rimasto con il cerino in mano

Brexit, Johnson battuto ancora: il Parlamento approva la legge anti no-deal

Manca solo la firma della Regina, poi i giochi saranno fatti, la legge approvata oggi dal Parlamento Uk obbliga il primo ministro a Boris Johnson a trovare necessariamente un accordo con l’Unione Europea, per evitare il catastrofico no-deal. Nel caso in cui un accordo non venisse trovato, Boris Johnson dovrà chiedere una proroga dal 31 ottobre: si tratta di una opzione assolutamente inaccettabile per BoJo che piuttosto ha aperto all’ipotesi di nuove elezioni generali. Anche questa era una ipotesi rifiutata a lungo dal Primo Ministro Britannico, ma di fronte all’opposizione ha dovuto scegliere il male minore. Tanto che oggi, durante il voto definitivo della Camera, il governo non ha nemmeno tentato di opporsi: la legge è passata senza problemi. Il prossimo step sarà quindi il Royal Assent della Regina e il deposito del testo lunedì 9 settembre, ovvero ultimo giorno di lavori parlamentari prima della sospensione e data in cui verrà presentata la mozione per indire nuove elezioni generali.

(Credits Immagine di copertina: © Xinhua via ZUMA Wire)

TAG: Brexit