Bolsonaro pubblica un video con uno slogan di Mussolini: «Meglio vivere un giorno da leone che cento da pecora»

di Enzo Boldi | 02/06/2020

Bolsonaro

In Brasile, e in tutta l’America Latina, l’emergenza Coronavirus è ancora molto grave con numeri altissimi sia per quel che riguarda i contagi sia per quel che – purtroppo – concerne le vittime da Covid-19. Ma Jair Bolsonaro sembra non essere preoccupato e difende le proprie scelte. Domenica 31 maggio, infatti, il presidente brasiliano ha condiviso sui propri canali social (da Facebook a Youtube) il video di un anziano cittadino italiano che cammina in strada gridando contro le persone chiuse in casa. Nel filmato, poi, il signore pronuncia una frase che fu uno degli slogan principali di Benito Mussolini a partite dal 1926.

LEGGI ANCHE > Com’è la storia della BBC che mette Salvini al terzo posto dei leader bufalari dopo Trump e Bolsonaro

«Meglio vivere un giorno da leone che cento da pecora». Una frase che divenne un vero e proprio mantra della propaganda fascista, tanto da ‘meritare’ (all’epoca) le pagine dei libri di scuola, delle monete ad hoc e tantissime repliche sui muri delle varie città italiane. Ecco che quella frase (che non fu inventata da Mussolini, ma che venne plagiata in nome della propaganda a mo’ di slogan) diventa oggetto di condivisione sulle pagine social di Bolsonaro.

Bolsonaro e il video con la citazione di Mussolini

«In un minuto l’anziano italiano ha riassunto quello che abbiamo passato in questi giorni», scrive Bolsonaro nella frase con cui ha lanciato il filmato sui suoi canali social. L’anziano signore, infatti, si trova in giro per le strade (non sappiamo di quale città). Si tratta di un filmato recente (degli ultimi mesi) dato che l’uomo fa riferimento alle persone chiuse in casa per il timore del contagio, con tanto di attacchi alle farmacie.

La libertà vale più della morte

L’anziano del video condiviso da Jair Bolsonaro prosegue il proprio cammino dicendo che «la libertà vale più della morte, la libertà non ha prezzo». Il tutto condito da quella frase che Benito Mussolini plasmò attorno alla propaganda fascista, dopo averla ripresa da alcuni testi risorgimentali.

(foto di copertina: da video di Jair Bolsonaro, Facebook)