Per Bolsonaro il Brasile «non deve diventare un paradiso per il turismo gay»

di Daniele Tempera | 26/04/2019

negazionista
  • Ennesima dichiarazione polemica del neo-presidente brasiliano contro il mondo LGBT

  • Nel corso di una conferenza stampa ha detto che il Brasile non deve diventare "un paradiso per il mondo gay"

  • Immediata la reazione degli attivisti: "Affermazioni che sono una vergogna per tutto il Paese"

Una dichiarazione che ha messo in allarme il mondo LGBT, e non solo. Durante un incontro con i giornalisti avvenuto nella capitale Brasilia il neo-presidente brasiliano Bolsonaro ha dichiarato che “Il Brasile non può essere una nazione per il mondo gay e per il turismo gay, perché noi abbiamo famiglie”. Un messaggio che ha poi esteso poi a ogni forma di libertinaggio o, più generalmente, di libertà sessuale anche etero: “Se vuoi venire qui e avere sesso con una donna, devi venirci per passarci il resto della tua vita”, come riportato dal quotidiano inglese The Guardian. Affermazioni di certo non nuove per il presidente brasiliano, che in precedenti dichiarazioni non ha esitato a definirsi come “omofobo”, ma che ha hanno scatenato ugualmente la risposta dei militanti e degli attivisti.

LEGGI ANCHE > Bolsonaro ha chiesto a 3,5 milioni di followers «cos’è una golden shower?»

La reazione della sinistra e del mondo delle associazioni

E a contrapporsi in modo fermo all’ultima sparata del presidente brasiliano troviamo parlamentari e attivisti di sinistra LGBT come David Miranda che definisce Bolsonaro “Una disgrazia nazionale, piuttosto che un capo di stato” e punta il dito anche sullo sfruttamento implicito e sul ridimensionamento sociale del ruolo delle donne, che le parole del presidente di volta in volta prefigurano.

Un’affermazione che viene rilanciata anche da un altro attivista, Renan Quilanha, che definisce l’uscita di Bolsonaro come disastrosa per i diritti umani e per l’immagine internazionale del Brasile, evidenziando come uscite del genere favoriscano la violenza ai danni della comunità LGBT. E le polemiche, c’è da scommetterci, non sono destinate a placarsi a breve.

TAG: Bolsonaro, gay