Blocco studentesco cita Mussolini, ma sbaglia l’italiano e scrive «mediterannea»

di Redazione | 27/03/2019

Blocco studentesco
  • Blocco studentesco è l'associazione legata a Casapound

  • Hanno ricoperto l'Italia di manifesti per celebrare il centenario dei Fasci italiani del combattimento

  • Nicola Fratoianni prende in giro il loro errore di grammatica

Hanno fatto il giro d’Italia. I manifesti dell’associazione Blocco Studentesco, il gruppo di studenti medi e universitari che si ispira a Casapound, ha riempito il nostro Paese di un manifesto con una citazione di Mussolini: da Bolzano a La Spezia, da Viterbo a Como, da Mestre a Novara, da Roma alle città della Sardegna. «La più audace, la più originale, la più mediterranea e la più europea delle idee», si legge. Si tratta di una frase del Duce per celebrare il centenario della costituzione dei Fasci italiani del combattimento.

LEGGI ANCHE > Il giorno più grottesco della storia della Repubblica (e altri ne verranno, ahimè)

Blocco studentesco sbaglia la citazione di Mussolini

Peccato che, oltre a essere una citazione che si ispira visibilmente a un movimento che è stato sciolto e le cui idee dovrebbe essere incostituzionale riproporre, contenga anche un vistoso errore di ortografia. Quelli di Blocco studentesco, infatti, hanno scritto «mediterannea» al posto di «mediterranea» e hanno stampato i manifesti in copie plurime.

La battuta di Fratoianni su Blocco Studentesco: «Prima l’italiano»

L’errore non è sfuggito a Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana, eletto in Parlamento con Liberi e Uguali: «Forse è arrivata l’ora – ha detto il leader di SI – che le Istituzioni di questo Paese prendano qualche provvedimento, e non mi riferisco solo alla rimozione di questo obbrobrio: serve un segnale chiaro contro chi viola le leggi e la Costituzione repubblicana. È arrivato il momento di sciogliere – ha concluso Fratoianni- tutte le organizzazioni neofasciste e neonaziste. In attesa che questo avvenga al più presto, un consiglio ai nipotini degli squadristi: leggano qualche libro in più e imparino la grammatica così eviteranno di stampare migliaia di manifesti con una frase del Duce scrivendo “Mediterannea”, con una erre in meno ed una enne in più… Prima l’italiano»