Bergeggi, confessa il 17enne che ha lanciato il cassonetto: «Credevo sarebbe finito in acqua»

di Gaia Mellone | 06/08/2019

Orrore a Reggio Emilia, bambini sottoposti a scosse elettriche e lavaggi del cervello per allontanarli dalle famiglie
  • Il giovane all'inizio si era detto estraneo all'accaduto, poi ha confessato

  • Ha raccontato di aver gettato il cassonetto convinto che finisse in mare

  • Il bidone ha invece ferito al volto un 12enne francese, ora in fin di vita

Aveva inizialmente negato di essere coinvolto nell’accaduto, ma alla fine lo studente di 17enne  fermato ha confessato di essere stato lui a spingere il bidone della spazzatura giù dalla scogliera a Bergeggi. Il cassonetto ha colpito un bambino di 12 anni ora in fin di vita. «Non sapevo ci fosse qualcuno sotto» si è giustificato il ragazzo.

Bergeggi, confessa il 17enne che ha lanciato il cassonetto: «Credevo sarebbe finito in acqua»

A tradirlo sono state le tante contraddizioni, e alla fine è crollato confessando di aver scaraventato un bidone della spazzatura colmo di carta giù per la scarpata. All’uscita dalla discoteca Kave il ragazzo aveva trovato il venditore ambulante di panini chiuso e un impeto aveva colpito il cassonetto facendolo precipitare. Secondo quanto riportato dal comandante del Reparto investigativo dei Carabinieri Savona Dario Ragusa durante la conferenza stampa, il ragazzo ha detto di «non sapere che sotto c’erano delle persone», e che era convinto di «lanciarlo direttamente in mare». Il bidone ha invece colpito un bambino di 12 anni francese che stava dormendo in una tenda sulla spiaggia: il piccolo è ancora ricoverato all’ospedale pediatrico Gaslini di Genova in gravi condizioni. «Si è detto molto dispiaciuto», ha aggiunto il comandante.

(Credits immagine di copertina: foto generica volante carabinieri Pixabay License)

TAG: bergeggi