La modella israeliana Bar Refaeli è stata condannata per evasione fiscale

di Marta Colombo | 21/07/2020

Bar Refaeli

La top model Bar Refaeli è stata condannata per evasione fiscale in Israele, il suo Paese di origine. La modella, che si è dichiarata colpevole, dovrà pagare una grossa multa e svolgere lavori socialmente utili per 9 mesi.

La 35enne, che non risiede in Israele, ha ammesso di aver di aver fornito delle dichiarazione dei redditi false per non pagare le tasse nel suo Paese di origine.

Una corte di Tel Aviv ha ordinato il pagamento di 730,000 dollari americani, o 2,5 milioni di shekel israeliani. Anche Tzipi Refaeli, la madre e agente della top model, è stata dichiarata colpevole di evasione fiscale e altri reati finanziari e dovrà scontare 16 mesi in carcere e pagare una multa della stessa somma della figlia e cliente.

LEGGI ANCHE >Bar Refaeli e le foto vestita da uomo su Instagram

Secondo i suoi avvocati, Bar Refaeli non avrebbe intenzionalmente evaso il fisco israeliano

Le due donne hanno si sono entrambe dichiarate colpevoli e sono stanze sentenziate durante un accordo raggiunto con le autorità, che stavano investigando il caso dal 2015, il mese scorso.

Bar Refaeli ha ammesso di non aver dichiarato il suo reddito globale per diversi anni, dichiarando di aver vissuto prevalentemente all’estero. I suoi avvocati hanno aggiunto che la “svista” non è stata intenzionale.

La madre della top model, invece, tra le altre cose, è stata condannata per aver firmato dei contratti immobiliari con nomi di parenti per occultare la residenza della figlia.

Bar Refaeli è già stata al centro di diverse polemiche e scandali. Aveva già causato l’ira dell’esercito e del pubblico israeliano per non aver completato il servizio militare obbligatorio e, nel 2018, era stata al centro di una polemica per una pubblicità in cui indossava un niqab. Nel 2015, invece, era stata fortemente criticata per aver chiesto la chiusura del traffico aereo in occasione del suo matrimonio.

(Immagine di copertina: dal profilo Instagram di Bar Refaeli)