Didattica a distanza, la lettera di Azzolina a Fontana: «La invito a trovare soluzioni diverse»

La ministra Azzolina ha scritto ad Attilio Fontana per invitarlo a rivedere quanto stabilito sulla didattica a distanza per gli studenti lombardi

22/10/2020 di Ilaria Roncone

lettera azzolina fontana

A partire da lunedì 26 in Lombardia l’ordinanza firmata da Attilio Fontana prevede che tutte le scuole superiori facciano lezione a distanza con la possibilità, però, di organizzarsi per tutti coloro che non sarebbero pronti così in fretta a tornare a questa tipologia di insegnamento. Sulle modalità scelte da Fontana la ministra dell’Istruzione Azzolina ha avuto da ridire e ha deciso di scrivere al governatore una lettera in cui, sostanzialmente, gli domanda di ripensarci e di agire in maniera differente.

LEGGI ANCHE >>> La frase nonsense con cui la Lombardia annuncia la didattica a distanza per i ragazzi delle superiori

Lettera Azzolina Fontana: «La invito a ripensarci»

L’invito della ministra è quello di trovare altre soluzioni: «In una fase così complessa per la Nazione, desidero invitarla a lavorare insieme a tutte le istituzioni coinvolte, per trovare soluzioni differenti da quella adottata, nel rispetto del diritto alla salute dei cittadini e del diritto allo studio dei nostri studenti e delle nostre studentesse», scrive Azzolina. Queste le parole con le quali termina la lettera a Fontana e la ministra ha anche voluto ribadire che, secondo il Dpcm dl 18 ottobre, ci sono «indicazioni molto chiare per la gestione delle misure da adottare con riferimento alle istituzioni scolastiche» che «prevedendo in primo luogo la prosecuzione, in ogni caso, in presenza, delle attività didattiche ed educative della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione».

Anche i sindaci contro Fontana sulla didattica a distanza

Non solo la Azzolina ma anche Anci Lombardia hanno domandato al presidente della Regione un incontro «urgente» per avere chiarimenti in merito poiché la parte relativa alla didattica a distanza non era stata concordata. Il presidente dell’associazione dei Comuni Marco Guerra ha chiarito che «Anci Lombardia ha chiesto al Presidente Fontana una riunione urgente domani per un ulteriore approfondimento e confronto sulla parte dell’ordinanza relativa alla didattica a distanza per le scuole superiori».

Share this article
TAGS