Scuola, l’Aula sul Mare COVID FREE: come ripartire con viaggi di istruzione e di sport

L'esperienza mira a insegnare ai ragazzi come affrontare i cambiamenti dovuti alla crisi da Covid

di Redazione | 18/09/2020

L’esperienza di integrazione giovanile e formazione marinaresca “L’Aula sul Mare Covid Free” inizierà lunedì 21 Settembre 2020, quando la flotta della Oxygene Sail partirà dal Golfo di Gaeta con a bordo 32 allievi dell’I.I.S.S. Baldessano Roccati di Carmagnola di Torino. Lo scopo di questo progetto è quello di permettere agli studenti italiani di tornare a godere dell’esperienza formativa fondamentale dei viaggi di istruzione di sport.

LEGGI ANCHE >>> Santanché dice che hanno riaperto le scuole solo perché ci sono le elezioni. Ma non era lei a dire che «non vogliono farci votare?»

Aula sul Mare COVID FREE per imparare ad adattarsi alle situazione che cambiano

Il mare insegna ai ragazzi che le situazioni cambiano e che bisogna essere in grado di adattarsi senza perdere la bussola, rimanendo positivi sul domani. Mai come oggi, mentre ripensiamo alla nostra società e la riadattiamo alla crisi Covid, una lezione del genere è preziosissima. Ai ragazzi occorre insegnare ad adattarsi senza rinunciare alle loro aspirazioni, convinti che la strada giusta non sia quella di fermarsi ad aspettare. L’obiettivo di oggi è riuscire a proteggerci dal pericolo della malattia senza dover rinunciare alle tante conquiste culturali e sociali raggiunte nei decenni passati. Aula sul Mare si pone come obiettivo quello di dimostrare empiricamente ai giovani come il rispetto delle regole sia lo strumento alla base della libertà individuale e comunitaria.

Come funziona l’Aula sul Mare Covid Free

Cosa faranno i ragazzi coinvolti in questa esperienza? Si troveranno a crescere in un contesto sociale di fatica, lavoro di gruppo, disciplina marinaresca e semplicità degli ambienti. Tenere insieme sicurezza, socialità e lavoro è possibile basandosi su: indagine approfondita preventiva, dell’esposizione al COVID-19 per tutti i partecipanti; isolamento del gruppo partecipante dal resto della popolazione durante lo svolgimento del progetto; adozione di comportamenti coerenti con i tre strumenti principali della lotta alla diffusione del contagio: igiene personale, distanziamento, mascherina. Tutti i partecipanti al progetto, quindi, sono sottoposti gratuitamente al test sierologico e – qualora risultassero positivi – verrebbero esclusi dal progetto. Il viaggio avrà come scenari le Isole Pontine e le Isole Flegree mentre si lavorerà sul carattere dei ragazzi, insegnando loro il valore della solidarietà e del rispetto reciproco, l’importanza delle risorse energetiche alimentari e fisiche, il rispetto dell’ambiente e delle sue fragilità, la tenacia necessaria al raggiungimento della libertà.