De Luca riapre gli asili e le scuole materne

La comunicazione della Regione Campania

di Enzo Boldi | 16/10/2020

Asili in Campania

Nella serata di venerdì è arrivato il parziale passo indietro da parte di Vincenzo De Luca. Con una nota, la Regione ha spiegato i motivi che – fin dalla giornata di domani, sabato 17 ottobre – si potrà tornare alle lezioni frontali nelle scuole materne e negli asili in Campania. La decisione è arrivata, come recita la nota, dopo un confronto con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci). I bambini tra gli zero e i sei anni (quindi dai nidi fino alla materna) potranno tornare tra i banchi e all’interno delle strutture predisposte.

LEGGI ANCHE > De Luca annuncia il coprifuoco per Halloween: «Americanata monumento all’imbecillità»

«Su richiesta dei sindaci pervenuta all’unità di crisi attraverso l’Anci – si legge nella nota della Regione Campania -, e nelle more di specifici congedi parentali per i genitori, da domani è consentita, anche in presenza, l’attività delle scuole dell’infanzia: nidi, asili, con bambini di età compresa nella fascia 0-6 anni». Dopo le proteste e le richieste di confronto da parte dei vari comuni campani, dunque, il Presidente Vincenzo De Luca ha deciso di consentire la ripresa della didattica in presenza nelle scuole materne e negli asili in Campania.

Asili in Campania, il passo indietro di Vincenzo De Luca

Le motivazioni di questa integrazione all’ordinanza n.79 della Regione Campania sono logiche ed evidenti. Impedendo le lezioni frontali, infatti, si rischia di lasciare paralizzati e senza la possibilità di lavorare molti genitori. Anche se solo parzialmente, il passo indietro di Vincenzo De Luca – dopo il confronto con l’Anci – ha portato a un parziale ritorno alla normalità per tutti quei bambini tra i zero e i sei anni.

Scuole chiuse? No, didattica a distanza

Nella sua conferenza stampa odierna, poi, De Luca aveva sottolineato come fosse errato parlare di scuole chiuse in Campania e che fosse più corretto dire «Didattica a distanza». Una forma diversa che, però, ha lo stesso effetto sugli studenti e sui genitori.

(foto di copertina: da profilo Facebook di Vincenzo De Luca)