La bufala della Leopolda di Renzi finanziata dalla Total

di Redazione | 23/10/2018

leopolda

Il sito Voxnews.info, già finito nelle black list delle pagine web che diffondono notizie false o manipolate, citato da noti debunker, colpisce ancora con una notizia priva di verifica. «La Leopolda di Renzi finanziata dai francesi Total», è il messaggio pubblicato due giorni fa e condiviso da decine di utenti, e poi smentito dagli organizzatori dell’evento. Voxnews ha rilanciato un tweet del deputato Luigi Marattin, che alla Camera è capogruppo Pd in Commissione Bilancio, con foto in cui si può notare una scritta ‘Total’ nel corso della kermesse renziana, che si è tenuta a Firenze la scorsa settimana. «Ecco – si legge sul sito – perché la ‘prassi’ era scaricare i clandestini in Italia. La ‘Leopolda’ di Renzi la sponsorizzano i francesi di Total». E ancora: «La Total è il governo francese».

 

LEGGI ANCHE > «Conte guadagna quanto Renzi». E il premier pubblica la richiesta di riduzione dello stipendio

 

La notizia online: la Total finanzia la Leopolda di Renzi. La risposta: «È una bufala»

Una risposta è arrivata da una comunicato stampa diramato dall’ufficio stampa della Leopolda. «In riferimento a quanto scritto dal sito Voxnews.info e da altri portali su presunti finanziamenti di aziende petrolifere, il Comitato organizzatore della Leopolda 9 chiarisce quanto segue: a) che la notizia di presunti finanziamenti è una gigantesca e ridicola bufala, nessun finanziamento arriva né da Total né da altri soggetti legati al petrolio, né da soggetti francesi; b) che chiunque lo affermi e diffonda tale falsità ne risponderà davanti al tribunale di Firenze; c) che il conseguente risarcimento verrà destinato, quello sì, al finanziamento della Leopolda».

(Foto di copertina da archivio Ansa: Matteo Renzi durante il suo intervento di chiusura della Leopolda a Firenze, il 21 ottobre 2018. Credit immagine: ANSA / CLAUDIO GIOVANNINI)