Barcone con 70 migranti in avaria al largo di Lampedusa: l’Italia prima si rifiuta di intervenire, poi fa marcia indietro

di Redazione | 13/10/2018

migranti

Venerdì 12 ottobre un barcone con 70 migranti partito dalla Libia si è trovato in difficoltà al largo di Lampedusa ma in territorio di competenza maltese.

LEGGI ANCHE > Salvini: «Bruciare mio manichino è un gesto inaccettabile». Quando toccò alla Boldrini parlò di «sciocchezza»

Migranti salvati in acque maltesi

Dopo un lungo braccio di ferro tra le autorità maltesi e quelle italiane, alla fine il contenzioso è stato risolto dalla Guardia costiera italiana, che è intervenuta con l’imbarcazione “Mare Jonio”, giunta al suo ultimo giorno di operazioni nel Mediterraneo nel contesto del progetto “Mediterranea”.

La Mare Jonio, giunta al suo ultimo giorno di missione nelle acque libiche – riporta Repubblica.it – stava lentamente tornando verso l’Italia quando, poco dopo il tramonto, è stata raggiunta da un Navtext, un messaggio di allerta, inviato dalle autorità di La Valletta (l’Mrcc, maritime rescue coordination center): nel testo si segnalava “un gommone in avaria con 70 persone a bordo in acque maltesi”. L’imbarcazione, stando alle coordinate messe nero su bianco nel messaggio, si trovava sì in una zona di competenza maltese ma molto vicino all’isola di Lampedusa. Praticamente al confine. Il messaggio non dava altri elementi“.

Migranti con barcone in avaria, l’intervento della Guardia costiera

Malta, dopo essere rimasta sul vago per non intervenire, ha passato l’affare all’Italia che però in un primo momento si è tirata indietro. “In acque di competenza maltese coordina Malta. Non è un problema nostro, quando verranno in acque italiane, vedremo”, hanno fatto sapere le autorità italiane.

La Guardia costiera ha così cominciato una serie di chiamate, coordinate dal parlamentare Erasmo Palazzotto (tra gli ideatori di Mediterranea), con il ministero delle Infrastrutture. La risposta, nonostante l’assenza di Toninelli, è stata sempre la stessa: “Acque maltesi-problema maltese“.

Alla fine la questione è stata direttamente trovata dalla Guardia costiera intorno all’una di notte, basandosi solamente sulle informazioni provenienti dall’Mrcc italiano. Il barcone è stato intercettato a 2,7 miglia nautiche da Lampedusa, poco dopo sono cominciate le operazioni di sbarco.

(Foto credits: Ansa)