Taverna e la casa popolare della madre: «Repubblica mi attacca perché sono povera»

di Enzo Boldi | 09/10/2018

Taverna

La deputata del Movimento 5 Stelle Paola Taverna passa al contrattacco. Dopo la notizia pubblicata oggi su Reppubblica – che racconta della casa popolare in cui vive sua madre, a rischio di sfratto -, la grillina ha condiviso un messaggio video sul suo profilo Facebook in cui attacca il quotidiano diretto da Mario Calabresi, parlando di onestà e povertà che l’hanno sempre contraddistinta.

LEGGI ANCHE > Virginia Raggi potrebbe sfrattare la mamma di Paola Taverna dalla casa popolare

Nel suo video, che parte con uno stallo di oltre un minuto, Paola Taverna sostiene che Repubblica l’avrebbe attaccata in quanto povera, perché la sua famiglia non si è mai potuta permettere l’acquisto di una casa. Per questo motivo sua madre, 80enne, sarebbe costretta a vivere in quella casa popolare, nella quale ha vissuto anche lei, sua sorella e suo padre.

Paola Taverna attacca Repubblica e parla di povertà

«Mia madre ha 80 anni, percepisce una pensione minima e vive in un a casa popolare dove ho vissuto anche io per tanti anni – afferma Paola Taverna nel suo video su Facebook -. Qual è la notizia che voleva dare oggi la Repubblica? Forse che la mia famiglia è una famiglia povera? O che io non mi sono arricchita con il mio lavoro e che potevo utilizzare 200 mila euro che ho scelto di restituire per la casa di mia madre?».

Taverna si difende al grido di «Onestà!»

Un attacco in difesa. Nel video-messaggio, Paola Taverna spiega la sua missione: «Io (e il Movimento 5 Stelle) non faccio politica per arricchirmi, ma per risolvere i problemi di tutti. Non per quelli personali». Insomma, con questo suo video su Facebook, è stata evocata una sorta di martirizzazione del M5S, ricalcando quel trend inaugurato la scorsa settimana da Luigi Di Maio contro Repubblica – e la stampa, più in generale -, cavalcato ormai ogni giorno da diversi esponenti pentastellati.

(foto di copertina: ANSA/MASSIMO PERCOSSI)