vittorio feltri
|

Vittorio Feltri querela Mediaset per l’imitazione a Striscia La Notizia

«Nel ribadire che Mediaset mi ha schifo, e non potrebbe essere diversamente, annuncio di querelare civilmente l’azienda per il danno che essa mi ha arrecato». Scrive così oggi sul quotidiano Libero il direttore editoriale Vittorio Feltri, commentando le polemiche degli ultimi giorni per il fuori onda in cui veniva descritto come un ubriaco con difficoltà a parlare e per la sua imitazione a Striscia La Notizia.

Vittorio Feltri annuncia la querela nei confronti di Mediaset per il «danno arrecato»

Tutto è cominciato due settimane fa, quando il programma satirico di Antonio Ricci in onda su Canale 5 ha trasmesso la registrazione di un’interruzione pubblicitaria della trasmissione di Rete 4 ‘Stasera Italia’, durante la quale la co-conduttrice, la giornalista Veronica Gentili, accusava Feltri di aver bevuto. In breve tempo il video ha fatto il giro della rete. Libero, qualche giorno dopo, ha risposto pubblicando dalla prima pagina foto Instagram della Gentili. «I lettori sappiano da che pulpito viene la predica», è stato il commento di Feltri. Poi a Striscia La Notizia è arrivata l’imitazione di Vittorio Feltri, rappresentato da Ezio Greggio nella veste di sbronzo abituale. «Mediaset mi ha schifo», è stata la replica di Feltri la scorsa settimana in una lettera a Piero Chiambretti, che lo aveva invitato a partecipare al suo nuovo programma su Rete 4.

«Un’azienda squallida»

Ora il giornalista conferma tutto. «A differenza di Crozza – scrive oggi Feltri confermando il suo no a Mediaset –, i signori di Striscia nell’imitarmi hanno fatto ricorso alla denigrazione più gratuita. Cosicché ho dovuto reagire dicendo che Mediaset mi fa schifo e rifiutando di partecipare alla nuova iniziativa di Chiambretti, contro il quale non ho nulla. Semplicemente non desidero collaborare con una emittente di una azienda squallida che si è permessa di insultarmi a ripetizione».

«Ezio Greggio mi ha telefonato dicendomi che mi vuole bene»

E ancora: «La notizia del mio diniego ha mobilitato Ezio Greggio che sabato mi ha telefonato a casa dicendomi che mi vuole bene, che mi stima, che non era intenzione sua e dei suoi colleghi di offendermi. La conversazione è durata a lungo e quando il comico mi ha invitato a una puntata dello pseudo notiziario da lui condotto con Michelle Hunziker, per fare la pace, ho accettato. L’ho fatto per tagliare corto. Ciononostante a Striscia non mi sono recato per motivi di dignità. Ovvio, non potevo andare a stringere la mano a gente che mi ha oltraggiato oltre ogni limite di decenza. Cosicché ho tirato con soddisfazione un bidone alla compagnia del filo di ferro». Poi l’annuncio della querela.

(Foto di copertina da archivio Ansa: Vittorio Feltri in uno studio televisivo. Credit immagine: ANSA / CLAUDIO ONORATI)