Cristiano Ronaldo avrebbe ammesso privatamente di aver stuprato Kathryn Mayorga

di Gaia Mellone | 03/10/2018

cristiano ronaldo ammette accuse stupro

Cristiano Ronaldo avrebbe privatamente ritrattato la sua versione sull’incontro avuto con l’ex modella Kathryn Mayorga, che lo ha accusato di violenza sessuale. Dopo aver respinto pubblicamente le accuse, dichiarando che il sesso era consensuale e che la vittima stava solo cercando «di farsi pubblicità», il calciatore avrebbe ammesso con il suo team di legali che la violenza in effetti c’è stata. Mayorga avrebbe ripetutamente detto “No” durante il rapporto, e gli avrebbe chiesto più volte di fermarsi. A rivelarlo è il The Sun che cita documenti giudiziari privati e pubblica anche immagini dei  due in discoteca poche ore prima della violenza.

LEGGI ANCHE >Hanno riaperto ufficialmente l’indagine per stupro contro Cristiano Ronaldo

Secondo i documenti legali visionati dal The Sun, l’avvocato di Mayorga racconta che «Cristiano Ronaldo ha portato la querelante in una camera da letto, e avrebbe tentato di avere un rapporto sessuale con lei». Nei documenti viene descritto che la ragazza si era rifiutata, cercando di coprirsi e urlando chiaramente «No, no, no». L’avvocato della ragazza aggiunge anche che «Quando Cristiano Ronaldo ha completato lo stupro, le ha permesso di lasciare la camera dicendo che gli dispiaceva, di solito era un gentiluomo».  Accuse che il calciatore aveva negato, asserendo che il rapporto era stato consensuale. 

Il giornale britannico sostiene nell’articolo, che ricostruisce la presunta dinamica dello stupro e il pagamento di 375mila euro per mettere a tacere la ragazza, di aver anche visionato dei documenti che incriminano Cr7. Ronaldo avrebbe assunto un team di “fixer”, figure professionali specializzate nel proteggere la reputazione di personaggi in vista, a cui avrebbe confessato di aver aver commesso la violenza di cui è accusato. Sempre il team dei fiere sarebbe responsabile di aver «gettato fango addosso» alla vittima.

Cristiano Ronaldo su Twitter però continua a negare le accuse. « Lo stupro è un crimine riprovevole che va contro tutto quello in cui credo – scrive l’attaccante sul suo profilo ufficiale – Sono intenzionato a cancellare il mio nome da questa storia e mi rifiuto di alimentare ulteriormente lo spettacolo mediatico di chi cerca di promuoversi a mie spese.  La mia coscienza è limpida e mi permetterà di attendere con tranquillità i risultati delle indagini»

(Credit Image: © AFP7 via ZUMA Wire)