Uno tsunami si è abbattuto sulle coste dell’Indonesia | VIDEO

di Enzo Boldi | 28/09/2018

Un forte terremoto ha colpito poche ore fa l’Indonesia provocando uno tsunami che si è abbattuto sulle coste dell’arcipelago di Sulawesi. La città più colpita è Palu (comune di 350mila abitanti) e migliaia di persone sono in fuga. Nonostante fosse stato lanciato l’allarme tsunami pochi minuti dopo la violenta scossa (tra i 7.5 e i 7.7 gradi della scala Richter), risultano molti dispersi. I media locali parlano di 5 vittime, ma è ancora da chiarire se per via del sisma o dell’onda anomala.

LEGGI ANCHE > Terremoto a Sumatra: magnitudo 7.9, revocata allerta tsunami

C’è stata una gran confusione dopo la violenta scossa di terremoto con l’epicentro registrato 56 chilometri a nord della città di Donggala. Prima che la grande onda si abbattesse sulla città di Palu, un portavoce dell’agenzia per i disastri indonesiana, Sutopo Purwo Nugroho, aveva diramato la cessata allerta tsunami. Un cortocircuito che potrebbe esser stato fatale per molti cittadini indonesiani. Lo tsunami ha colpito in pieno, poco dopo, la città di Palu nell’isola di Celebes, situata a 80 chilometri dall’epicentro del terremoto di magnitudo. Per il momento il bilancio (non ufficiale), anche se è molto presto per avere contezza dei numeri esatti, è di cinque morti e decine di dispersi.

Tsunami Indonesia, l’onda altra più di tre metri

L’onda che si è abbattuta sulle coste indonesiane e ripresa da alcuni video fatti attraverso gli smartphone, era alta più di tre metri e nel giro di pochi istanti ha travolto numerosissime abitazioni. Molti cittadini si sono rifugiati nei piani più alti dei palazzi, per evitare di essere trascinati via dalla potenza dello tsunami. Ora i problema arriva con i soccorsi: il buio e le interruzioni alle reti di telecomunicazione stanno ostacolando i soccorsi e i tentativi delle autorità indonesiane di stilare un bilancio dei danni e delle vittime.

Tsunami Indonesia, la prima tragedia nel 2004

Il 26 dicembre 2004, un terremoto di magnitudo 9.1 al largo dell’isola di Sumatra, nell’ovest dell’Indonesia, provocò uno tsunami che portò alla morte di oltre 230mila persone in una decina di Paesi del sudest asiatico. Tra le numerose vittime anche 44 italiani, che si trovavano in Indonesia e nelle isole vicine in vacanza.

(foto di copertina da video condiviso su Twitter)