Arrestati tre romeni per la rapina in villa a Lanciano. È caccia al quarto complice

di Enzo Boldi | 26/09/2018

Villa Lanciano

Le forze dell’ordine hanno arrestato tre uomini per la cruenta rapina di domenica scorsa con l’aggressione ai coniugi Carlo Martelli e Niva Bazzan. Secondo le prime notizie che arrivano dal commissariato di Lanciano, si tratterebbe di tre persone di origine romena che farebbero parte della banda che, già in passato, avrebbe compiuti diverse violente rapine nella zona.

LEGGI ANCHE > La brutale banda di Lanciano è stata ripresa dalle telecamere: c’è un video

L’episodio risale a domenica scorsa, quando Carlo Martelli e Niva Bazzan furono aggrediti da una banda di uomini che, entrati nella loro villa di Lanciano per rubare, hanno pestato violentemente il marito e hanno tagliato il lobo dell’orecchio alla moglie dopo averla colpita ripetutamente. I tre romeni, secondi le prime indiscrezioni, sono stati fermati con addosso circa 3400 euro.

Arresto rapinatori Lanciano, i tre identificati grazie a una testimonianza

La svolta nelle indagini è arrivata nella serata di ieri quando è stata ascoltata una testimonianza ritenuta fondamentale per restringere il campo dell’inchiesta e identificare i colpevoli. Si tratta del racconto di un uomo che è stato vittima della banda nei mesi scorsi. «Anche se ho visto solo occhi dietro un cappuccio e voci, tutto combacia: il capo forse è un pugliese, e gli altri sono dell’Est Europa». A parlare è stato il commerciante Massimiliano Delle Vigne, che ha ricordato il pestaggio da lui subito nella sua villa a Santa Maria Imbaro, alle porte di Lanciano. Le analogie brutali dell’aggressione sono in linea con il modus operandi della banda che ha pestato e derubato Carlo Martelli e sua moglie Niva Bazzan.

Arresto rapinatori Lanciano, caccia al quarto uomo della banda

I tre di origine romena, secondo gli inquirenti, stavano fuggendo a bordo dell’auto (una golf di colore nero con targa romena) con la quale hanno fatto la rapina. Gli investigatori avrebbero avrebbero trovato dei cappucci probabilmente utilizzati dalla banda nelle rapine. Le forze dell’ordine precisano che la Golf nera sequestrata e bloccata dopo un inseguimento dei carabinieri è rimasta danneggiata sulla fiancata sinistra non per speronamento ma per un incidente occorso ai fuggitivi che sono usciti fuori strada. Si cerca ancora il quarto uomo che avrebbe preso parte alla rapina e all’aggressione e protagonista di altri furti nella zona.

(foto di copertina: ANSA/WALTER BERGHELLA)