versace
|

Michael Kors compra Versace per 1,83 miliardi

Ora è ufficiale. Il gruppo Versace, uno dei simboli del made in Italy, se ne va negli Stati Uniti. Michael Kors ha annunciato di aver siglato l’accordo definitivo per acquisire tutte le azioni di Gianni Versace Spa per 1,83 miliardi di euro, circa 2,12 miliardi di dollari.

Michael Kors compra il gruppo Versace: alla famiglia azioni della nuova Capri Holdings

Nella transazione per l’acquisto della società Versace la famiglia riceverà 150 milioni di euro del prezzo di acquisto in azioni di Capri Holdings Limited, il nuovo nome che verrà adottato da Michael Kors Holdings Limited alla chiusura dell’acquisizione. Si tratta di un nome – spiega la società americana – ispirato «alla leggendaria isola che è stata a lungo riconosciuta come destinazione iconica, glamour e di lusso». Il presidente e ceo di Michael Kors, John D. Idol, ha spiegato che il management di Versace continuerà a essere guidato dal ceo Jonathan Akeroyd, «che è stato un partner strumentale di Donatella nel promuovere la crescita e il successo di Versace in tutto il mondo».

L’obiettivo

Per Versace l’obiettivo strategico che si dà il nuovo gruppo Kors-Capri è di far crescere fino a 2 miliardi di dollari i ricavi annuali nel lungo periodo, precisamente fino a 1,2 miliardi al 2022, di aumentare i negozi fino a 300, a quota 250 al 2022, di spingere la crescita dell’e-commerce e del canale omni-channel, e infine di portare gli accessori e le calzature maschili e femminili dal 35% al 60% dei ricavi. I benefici attesi per il gruppo americano nel suo complesso, oltre alle potenziali sinergie, sono la crescita delle vendite fino a 8 miliardi di dollari nel lungo termine, l’espansione del polo del lusso oltre ad una diversificazione del portafoglio geografico, portando le Americhe dal 66% al 57% dei ricavi, l’Europa dal 23% al 24% e l’Asia dall’11% al 19%.

Il commento di Donatella: «Questo passo consentirà di raggiungere il pieno potenziale»

Donatella Versace ha commentato così la cessione dell’azienda a Michael Kors, rinominata Capri Holdings. «Santo, Allegra e io siamo consapevoli che questo prossimo passo consentirà a Versace di raggiungere il suo pieno potenziale». E ancora: «Siamo tutti molto eccitati di unirci al gruppo guidato da John Idol, che ho sempre ammirato come un leader visionario ma anche forte e appassionato. Riteniamo che essere parte di questo gruppo sia essenziale per il successo nel lungo termine di Versace».

«Questo – ha affermato ancora Donatella – è un momento molto eccitante per Versace. Sono passati più di vent’anni da quando ho preso in mano la società insieme a mio fratello Santo e mia figlia Allegra. Sono orgogliosa che Versace resti molto forte sia nel fashion che nella cultura moderna». «Versace – ha aggiunto Donatella – non è solo sinonimo del suo stile iconico e inimitabile, ma anche dell’essere inclusivi e di abbracciare la diversità, come pure di permettere alle persone di esprimere loro stesse». Affermando, poi, che la cessione è la strada giusta per il gruppo, Donatella ha assicurato «la mia passione non è mai stata più forte. Questo è un tempo perfetto per la nostra società, che mette la creatività e l’innovazione al centro di tutte le sue azioni, per crescere».

(Foto di copertina Zumapress da archivio Ansa. Credit immagine: Starmax / Newscom via ZUMA Press)