sesso dono di Dio
|

Papa Francesco: «Il sesso è un dono di Dio, niente tabù»

Papa Francesco supera Papa Francesco. E lancia un messaggio che, a conti fatti, suona come rivoluzionario all’interno del mondo della Chiesa cattolica. Parlando con un gruppo di giovani della diocesi di Grenoble-Vienne che sono stati ricevuti in udienza nella giornata di ieri, il sommo Pontefice ha parlato del sesso e della sessualità in toni piuttosto inediti.

LEGGI ANCHE > Papa Francesco parla del divorzio e lo definisce «una moda»

Sesso dono di Dio, le parole di Papa Francesco ai giovani di Grenoble

«La sessualità, il sesso, è un dono di Dio – avrebbe detto il Pontefice -. Niente tabù. È un dono di Dio, un dono che il Signore ci dà. Ha due scopi: amarsi e generare vita. È una passione, è l’amore appassionato. Il vero amore è appassionato. L’amore fra un uomo e una donna, quando è appassionato, ti porta a dare la vita per sempre. Sempre. E a darla con il corpo e l’anima».

Le parole del Papa sono esattamente queste, dal momento che sono state riportate delle frasi tratte da un documento ufficiale del Vaticano che fa il resoconto delle domande e delle risposte fatte e ottenute dai giovani ragazzi della diocesi di Grenoble-Vienne.

Sesso dono di Dio, le domande dei ragazzi a Papa Francesco

In modo particolare, la risposta di Papa Francesco è stata data a due ragazze, Thérèse di 24 anni e Manon di 16 che chiedevano rispettivamente: «Buongiorno, Santo Padre, mi chiamo Thérèse, ho 24 anni. Più volte, nella mia vita personale, mi sono confidata con persone più grandi su problemi di amore e di sessualità. Ogni volta, mi sono trovata di fronte a una mancanza di attenzione e di comprensione; ho avuto la sensazione di non essere ascoltata. Penso che questo accada perché siamo la prima generazione che parla e che, nello specifico, parla di questi argomenti» e ancora «Io mi chiamo Manon e ho 16 anni. Improvvisamente, questi argomenti diventano complicati; si sente di tutto, da chiunque, si vedono tante cose, ci sono opinioni diverse… In generale, ci si sente persi. Dove ci si deve “posizionare” in una società in cui il corpo è dissacrato?».

Papa Francesco, invece, condanna la pornografia

Da qui le parole di Papa Francesco, che completa il suo discorso: «Una sola carne: questa è la grandezza della sessualità. E si deve parlare della sessualità così. E si deve vivere la sessualità così, in questa dimensione: dell’amore tra uomo e donna per tutta la vita». Infine, sempre nell’ambito della stessa risposta, il Papa ha parlato della pornografia come degenerazione della sessualità rispetto al livello dove Dio l’ha posta.