Perché il figlio di Totti parla un inglese perfetto | VIDEO

di Enzo Boldi | 18/09/2018

Cristian Totti

Il suo destino calcistico sembra poter ricalcare le orme del padre, ma la sua padronanza della lingua inglese lo rende ben diverso dalle gesta del papà. Cristian Totti ha stupito un po’ tutti per l’intervista a fine partita di una partita tra squadre under 14 a Madrid. Un breve botta e risposta con una giornalista della televisione locale su un nobile gesto di fair play, con il primogenito della coppia Totti-Blasi che ha sfoderato un inglese invidiabile. Ma perché il figlio di Totti parla così bene l’inglese?

LEGGI ANCHE > Con la presentazione dell’autobiografia di Totti al Colosseo la Rizzoli restaurerà 12 statue

Il merito di tutto ciò va ricercato nella scelta fatta dai genitori che hanno optato per un’istruzione completa non solo di Cristian, ma anche delle altre due figlie. Il 13enne, infatti, è iscritto a una delle migliori scuole internazionali di Roma, dove l’inglese non è solo una materia da 2/3 ore a settimana, ma è il fulcro centrale dell’insegnamento. Si tratta di un istituto anglo-americano della capitale.

La padronanza della lingua inglese di Cristian Totti

Già in passato Francesco Totti e Ilary Blasi avevano sottolineato la loro scelta di considerare l’educazione dei propri figli come obiettivo principale, lasciando allo sport e alle altre discipline un’importanza che si limita al puro senso ludico. Una decisione che, però, ha messo un po’ in imbarazzo l’ex capitano giallorosso che, in una vecchia intervista aveva detto: «Quando vado a fare i colloqui con le maestre di mio figlio rispondo solo yes. Quando torno a casa Ilary mi chiede come è andata e iole rispondo tutto bene».

Cristian Totti e il gesto di fair play

Al netto delle difficoltà di papà Totti con la lingua inglese, il piccolo Cristian si è reso protagonista di un gesto di fair play che lo avrà reso molto orgoglioso. Durante una partita del torneo under 14 tra i migliori club europei, il giovane Totti si è distinto per aver fermato il gioco, mentre si trovava a porta vuota e pronto per segnare, affinché venisse soccorso il portiere avversario, rimasto a terra infortunato.

(foto di copertina da video Youtube de L’altro Canale)