La polemica per il tweet di Burioni sulle «donne brutte»

di Enzo Boldi | 17/09/2018

Roberto Burioni donne brutte

Un tweet e scoppia il putiferio. Quando parla – anzi, scrive – Roberto Burioni, il web e i social network si spaccano. Questa volta, però, il tema della polemica non è l’essere favorevoli o contrari ai vaccini, battaglia che ha portato l’immunologo a essere l’emblema dei pro-vax e il nemico social dei no-vax, ma la bellezza (o la bruttezza). La risposta a una tweet della scrittrice Ester Viola ha scatenato un vero e proprio putiferio.

LEGGI ANCHE > Roberto Burioni contro i genitori no vax: «Ignoranti ed egoisti»

Il post della discordia nasce dalla condivisione di un articolo dal titolo «Non trovo l’amore perché sono brutta», una lettera pubblicata su Vanity Fair a cui Ester Viola ha fornito una risposta, come in una classica rubrica di filo diretto tra rivista e lettore. Ed è qui che Burioni è intervenuto, rispondendo con un tweet che in pochi minuti lo ha ricoperto di insulti da parte di numerosi utenti.

Roberto Burioni e il tweet sulle donne brutte

«Quando in giro vedo una donna brutta la guardo sempre con attenzione. Nel 99,9% dei casi mi rendo conto che se si curasse, se dimagrisse e via dicendo non diventerebbe bella, ma certo di aspetto non sgradevole. Una volta che si è non sgradevoli la partita è aperta. Fidatevi», è il testo del tweet – poi rimosso da Burioni e a sua volta ricondiviso dallo stesso medico in un post successivo – che ha scatenato le ire di tantissime persone. Soprattutto per quel «fidatevi» che conclude la sua risposta, che a molti ha richiamato alla memoria la sua battaglia contro il governo dei «competenti».

Il contrattacco di Burioni contro il mondo dei social

Il famoso immunologo ha poi cancellato quel suo tweet, passando però al contrattacco con due risposte che accusano gli utenti di Twitter.

 

 

 

(foto di copertina: ANSA/FLAVIO LO SCALZO)