Mario Pittoni, il leghista che guida la Commissione Istruzione con la terza media

di Enzo Boldi | 12/09/2018

Mario Pittoni (Lega)

Ogni scarrafone è bello a mamma sua. Dopo aver criticato aspramente l’ex ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli – rea di aver scritto sul proprio curriculum di aver conseguito una Laurea, mentre in realtà si trattava solamente di un diploma -, escono fuori gli altarini della Lega. A presiedere la Commissione Istruzione a Palazzo Madama, infatti, c’è il senatore del Carroccio Mario Pittoni, l’uomo del profondo nord che ha solo il diploma di terza media.

LEGGI ANCHE > L’incontro Grillo-Di Maio-Casaleggio e la strategia M5S per fermare Salvini

Nei giorni scorsi L’Espresso aveva svelato questo retroscena sulle proprie pagine, pubblicando il curriculum vitae del senatore leghista trovato sul sito del Comune di Udine. Da qui è emerso che Mario Pittoni si è fermato alla licenza media, non portando avanti i propri studi. In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, il leghista doc si è sfogato raccontando la sua storia e il suo ruolo all’interno del Parlamento non solo come politico, ma anche come esperto di tutti i temi che riguardano la Scuola.

Mario Pittoni, il leghista con la terza media cresciuto a pane e scuola

«Sono un figlio de ’68, della contestazione globale – spiega Mario Pittoni al Corriere della Sera -. Ero interessato a imparare, non a portare a casa fogli di carta». Nessun diploma, ma una famiglia sempre molto attenta al ruolo dell’istruzione e della cultura. «Con mamma e fratello insegnanti, sono praticamente cresciuto a pane e scuola», prosegue il senatore leghista.

La differenza tra Mario Pittoni e Valeria Fedeli

Mario Pittoni rispedisce al mittente tutte le accuse di inadeguatezza che gli sono piovute addosso dopo la pubblicazione dell’articolo de L’Espresso. «È stata solo cattiveria, i giornali non sanno più a cosa attaccarsi – attacca il senatore leghista presidente della Commissione Istruzione a Palazzo Madama -. Io sono un grande appassionato di studio e al Miur sono considerato uno dei massimi esperti di come funziona la “macchina”. Studio di continuo, molto più di tanti altri». Poi l’attacco all’ex Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli: «Tra me e lei c’è un’enorme differenza: lei ha scritto il falso, io solo la verità»

(foto di copertina: da archivio Ansa)