Asia Argento sparisce dallo show della CNN con Anthony Bourdain

di Redazione | 03/09/2018

Asia Argento CNN

Non c’è più pace per Asia Argento, dopo le accuse di molestie rivolte nei suoi confronti da Jimmy Bennett, il giovane attore che avrebbe avuto rapporti sessuali con l’ispiratrice del movimento #MeToo e tra le prime a denunciare le molestie ricevute dal produttore Harvey Weinstein. Ora la CNN cancella, al momento, la sua presenza dalle puntate di Parts Unknown, lo show dello chef Anthony Bourdain – suo ex compagno, morto suicida due mesi fa -.

LEGGI ANCHE > Anthony Bourdain, morto suicida lo chef-scrittore compagno di Asia Argento

Asia Argento CNN, la decisione

Asia Argento aveva partecipato a tre puntate nel corso delle diverse stagioni di uno dei programmi di cucina e di arte culinaria in generale più celebri al mondo. Anthony Bourdain, da questo punto di vista, poteva considerarsi un vero e proprio pioniere del genere, un successo travolgente prima del suo suicidio avvenuto in seguito a misteriose circostanze.

Il comunicato dell’emittente statunitense è laconico ma tagliente: «Dopo i recenti fatti di cronaca a proposito di Asia Argento – si legge -, la CNN non manderà più in onda gli episodi di Parts unknown in cui compare, almeno fino a nuova decisione». Un colpo al cuore per l’attrice, dal momento che il programma televisivo andato in onda sulla CNN rappresenta un vero e proprio luogo della memoria per lei.

Asia Argento CNN, le puntate di Parts Unknown

Sul set di una delle puntate, nel 2016, Asia Argento aveva conosciuto quello che è stato il suo faro e il suo compagno per due anni. La puntata dell’incontro si intitolava Roma e aveva come soggetto proprio le ricchezze enogastronomiche della capitale. Successivamente, Asia Argento aveva partecipato ad altre due puntate dello show, anche in stagioni diverse: in una di queste, Anthony Bourdain aveva affrontato un vero e proprio viaggio nell’Italia meridionale, nell’altra – invece – la coppia aveva trattato l’argomento della cucina di Hong Kong, una delle più amate dallo chef e dalla sua compagna.

La decisione della CNN sarà operativa fino a eventuali novità sulla questione delle presunte molestie che Asia Argento avrebbe commesso nei confronti di Jimmy Bennett. Proprio grazie allo chef Anthony Bourdain, infatti, l’attrice avrebbe pagato 380mila dollari all’attore per farlo restare in silenzio sull’argomento.

Nonostante le incomprensioni che ci sono state tra loro negli ultimi mesi, tra le tante voci che si sono espresse sull’argomento, è arrivata anche quella dell’editorialista del Fatto Quotidiano Selvaggia Lucarelli. Con un tweet si è schierata, questa volta, dalla parte di Asia Argento, condannando la gogna mediatica che si è abbattuta su di lei e di cui la decisione della CNN è soltanto la punta di un iceberg: