Lo sfogo di Conte per la «gara» tra Di Maio e Salvini

di Redazione | 30/08/2018

governo conte

È un vero e proprio sfogo quello di cui si è reso protagonista il premier Giuseppe Conte e viene raccontato oggi da Repubblica. Il presidente del Consiglio, come raccontato dal quotidiano diretto da Mario Calabresi, ieri in un incontro segreto nel suo studio ha manifestato al sottosegretario Giancarlo Giorgetti, vicesegretario della Lega, il forte disappunto per i toni e le posizioni espresse negli ultimi giorni da Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

Lo sfogo di Conte su Di Maio e Salvini: «Questa gara non la reggo»

Conte sostiene che i suoi due vice stiano screditando il suo ruolo, con una «rincorsa» tra i due leader e un braccio di ferro tra Lega e M5S:

«Questa gara io non la reggo. O si cambia, o è impossibile andare avanti». Mattinata di fuoco a Palazzo Chigi. Giuseppe Conte chiama Giancarlo Giorgetti. Si incontrano nello studio del premier. Un vertice di governo segreto, di svolta. Il capo dell’esecutivo considera «insostenibile » il braccio di ferro permanente tra Lega e Cinquestelle, questa «rincorsa» tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio che, si lamenta, produce un solo effetto: «Scredita il presidente del Consiglio». E rischia di farlo saltare, assieme al resto del governo. «C’è un problema di metodo», ammette il sottosegretario alla Presidenza, che per vocazione ricuce conflitti e si sta ritagliando il ruolo di baricentro unico della maggioranza.

Conte e Giorgetti, come riportato da Repubblica, per mettere ordine avrebbero deciso di intervenire dalla prossima settimana con un coordinamento tra premier e ministri, una cabina di regia per decidere sui dossier più delicati all’ordine del giorno. Al tavolo dovrebbero dunque partecipare anche Salvinie  Di Maio e, di volta in volta, anche i ministri interessati sulle singole questioni. Il primo incontro dovrebbe essere dedicato all’immigrazione. «Non posso scoprire dalle agenzie qual è la linea dell’esecutivo sull’immigrazione, che tra l’altro non è la mia», è una delle frasi pronunciate dal capo del governo, adirato dopo l’incontro tra Salvini e il premier ungherese Viktor Orban.

(Foto di copertina da archivio Ansa: Conte alla Camera. Credit immagine: ANSA / ETTORE FERRARI)