sparatoria Westchester medical center
|

New York, sparatoria nell’ospedale Westchester Medical Center

Si tratterebbe di un tentativo di omicidio-suicidio. Al Westchester Medical Center di New York si è verificata una sparatoria, come riportato da Nbc New York. L’episodio è accaduto al quarto piano, nell’ala della struttura che ospita 652 letti, intorno alle 9.30 di questa mattina, ora locale. Il fatto poteva già considerarsi concluso circa un’ora dopo, quando le autorità del posto hanno affermato che il pericolo era già passato.

Secondo le prime indiscrezioni, a sparare sarebbe stato un uomo che ha prima puntato l’arma contro la moglie e poi contro se stesso.  I due coniugi sono morti entrambi. Nonostante gli sforzi del personale dell’ospedale. Entrambi erano sui 70 anni.

LEGGI ANCHE > Sparatoria a Toronto, guarda il video dell’assalto | VIDEO

Sparatoria Westchester Medical Center, cause da chiarire

Sono state allertate le forze dell’ordine di Valhalla e la polizia della contea di Westchester. Ancora non sono del tutto chiarite le cause che hanno portato a compiere il folle gesto,ma il sospetto è che si sia trattato di una violenza domestica.

Sparatoria Westchester Medical Center, la struttura interessata

Secondo il sito web dell’ospedale, il Westchester Medical Center tratta oltre 120.000 pazienti ogni anno in ogni settore della medicina. Ha sei centri primari, tra cui l’ospedale per bambini Maria Fareri. La struttura da 652 posti letto di Valhalla è l’ospedale principale all’interno della sua estesa rete regionale, che serve la valle dell’Hudson, impiegando circa 7.000 professionisti del settore sanitario tra cui 1.200 medici attraverso la sua rete.

Molte persone, secondo le prime fonti che arrivano dai media, sono state fatte uscire dall’ospedale, sia pazienti, sia personale medico. In queste ore, si trovano all’esterno della struttura in attesa che le forze dell’ordine completino tutte le operazioni del caso. Una testimone che lavora nell’ospedale, Clarence McMillan, ha dichiarato: «A volte i familiari dei nostri pazienti sono un po’ indignati perché non capiscono le cure che offriamo ai loro parenti. Probabilmente, la causa scatenante dell’episodio ha una dinamica del genere».

TAG: New York