La Chiesa ammetteva la pena di morte, ma ora Papa Francesco ha risolto

di Gianmichele Laino | 02/08/2018

papa francesco pena di morte

Prima di questo gesto, che può a buon diritto essere considerato rivoluzionario, la Chiesa cattolica ammetteva alcune eccezioni, all’interno del suo Catechismo, per le quali poteva essere prevista la pena di morte. Ora, però, Papa Francesco ha riscritto completamente questo passaggio, giudicando l’estrema misura punitiva mai ammissibile.

LEGGI ANCHE > Papa Francesco accetta le dimissioni dell’abate Van der Linde (che provò a rimediare alla pedofilia)

Papa Francesco pena di morte, il testo che modifica il catechismo

La firma sul provvedimento è di Luis Ladaria, prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede: il suo sigillo ha reso ufficiale la nuova posizione della Chiesa in termini di pena di morte, descritte al punto numero 2267 del Catechismo. Con questa nuova formula, la Chiesa «si impegna con determinazione per l’abolizione in tutto il mondo della pena di morte».

Fino a questo momento, prima dell’intervento risolutore di Papa Francesco, l’articolo del Catechismo che descriveva le misure da attuare in caso di pena capitale non erano affatto definite. Il testo in questione, infatti, recitava: «L’insegnamento tradizionale della Chiesa non esclude, supposto il pieno accertamento dell’identità e della responsabilità del colpevole, il ricorso alla pena di morte, quando questa fosse l’unica via praticabile per difendere efficacemente dall’aggressore ingiusto la vita di esseri umani».

Papa Francesco pena di morte, il testo prima dell’intervento

Insomma, un’ammissione in piena regola, dietro la quale diversi Stati che ancora mettono in atto questa forma estrema di punizione si trinceravano per giustificare il loro operato. Ora, però, non ci saranno più dubbi: la Chiesa rifiuta definitivamente qualsiasi tipo di pena di morte e si batterà per provare ad abolirla in ogni parte del mondo.

La volontà di Papa Francesco di agire su questo particolare passaggio del Catechismo della Chiesa Cattolica era già nota. L’11 ottobre 2017, infatti, ai partecipanti all’incontro promosso dal Pontificio Consiglio per la Nuova evangelizzazione, il Papa aveva dichiarato la propria intenzione di intervenire sull’argomento, cambiando la formulazione contenuta nel testo punto di riferimento della dottrina della Chiesa.

FOTO: @Servizio Fotografico – L’Osservatore Romano